Una nuova sentenza a favore dei diplomati magistrali spalanca le porte delle graduatorie ad esaurimento per altri mille docenti precari: il Consiglio di Stato, infatti, ha accolto ieri, lunedì 3 agosto, il ricorso d'urgenza patrocinato dai rappresentanti legali dell'Anief, urgente dati i tempi ristretti imposti dal Ministero dell'Istruzione per la presentazione della domanda di assunzione. Con la sentenza N. 3788/15 salgono a più di 4.000 i docenti con diploma magistrale che vedranno il proprio nome incluso nelle GaE.

Diplomati magistrali nelle GaE, sono più di 4.000: spazio anche agli abilitati?

Il bello è che non è finita qui, perchè come spiegato dal presidente del sindacato, Marcello Pacifico, i giudici del lavoro e dei Tribunali Amministrativi Regionali (TAR) verranno letteralmente travolti, nei prossimi giorni, da moltissimi ricorsi che verranno presentati non solo da chi possiede il diploma magistrale ma anche da chi ha conseguito il titolo abilitativo (TFA, PAS etc...) che, inspiegabilmente, il Miur ha deciso di escludere dal piano assunzioni straordinario prevista dalla nuova riforma.A questo proposito, il sindacato ricorda a tutti coloro che appartengono a tali categorie che sarà possibile presentare ricorso d'urgenza fino a venerdì prossimo, 7 agosto 2015.

Anief invita i docenti 'invisibili' a presentare domanda cartacea

Nonostante la nuova legge N. 107/2015 non abbia contemplato la presenza di questa vasta schiera di insegnanti, tutti dichiarati idonei per svolgere il proprio servizio, c'è da aspettarsi un'ondata di ingressi nelle GaE, ordinati come provvedimento esecutivo imposto dalle sentenze giudiziali.

L'Anief consiglia tutti questi docenti, dichiarati 'invisibili' dal governo, a presentare ugualmente domanda di assunzione attraverso gli appositi moduli predisposti dal sindacato, da compilare e da inviare entro il prossimo 14 agosto 2015, che poi risulta essere anche il termine massimo per la presentazione delle 'regolari' domande online per gli aventi diritto.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto