Non solo Jobs Act, Buona scuola e riforma delle Pensioni. Sono tante le novità della legislazione italiana che i lavoratori troveranno alla ripresa dopo le vacanze estive.

Congedo parentale: le novità del 2015 della L. 80/2015

Con la Legge numero 80 del 2015 è stato rivoluzionato, ad esempio, lo strumento del congedo parentale, innalzando il limite di utilizzabilità dagli 8 ai 12 anni di età del figlio, aumentando da 3 a 6 anni di età del bambino la possibilità di usufruire dell’indennità, indipendentemente dalle condizioni del reddito e la possibilità di utilizzare il congedo sia in modalità mensile, che giornaliera che, addirittura, oraria.

Pubblicità
Pubblicità

Novità scuola: esonero docenti vicari e spese sanitarie

Una norma riguarda da vicino i dirigenti scolastici: non potranno più chiedere l’esonero oppure il semiesonero per gli insegnanti che svolgano le funzioni di vicario. E’ la stessa Legge di stabilità del 2015 a disporre la soppressione dell’articolo 459 del decreto legislativo numero 297 del 1994.

Brutte notizie, invece, sul fronte delle spese sanitarie che aumenteranno e saranno a carico di chi ne usufruisce.

Pubblicità

La legge numero 18 dello scorso 14 agosto stabilisce, nello specifico, che le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale alle quali si sottopongono gli assistiti e che non rientrino nelle situazioni di derogabilità disciplinate da un decreto del ministero della salute, siano a loro carico.

Pensione anticipata e pensione di vecchiaia: cambia l’età minima e gli anni di contributi per chi andrà in pensione l’1 settembre 2016

Cambiamenti sono poi previsti anche sul fronte delle pensioni, in particolare per quei docenti e personale Ata che andranno in pensione a partire dall’1 settembre 2016.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Scuola

Infatti, cambierà l’età minima per andare in pensione di vecchiaia, passando dagli attuali 66 anni e 3 mesi richiesti per l’anno corrente sia per gli uomini che per le donne, ai 66 anni e 7 mesi richiesti per andare in pensione tra un anno.

Per quanto riguarda, invece, la pensione anticipata, aumenta il numero di anni di anzianità contributiva che passa dagli attuali 42 anni e 6 mesi ai 42 anni e 10 mesi per gli uomini per il 2016; per le donne, invece, gli attuali 41 anni e 6 mesi passeranno a 41 anni e 10 mesi.

Infine, a partire dal nuovo anno, occorre far attenzione ai nuovi divisori ed ai nuovi parametri di trasformazione che verranno ridotti dell’1,5% medio: in tal modo, verrà influenzato il calcolo delle pensioni per la parte relativa al conteggio del contributivo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto