Chi pensava che, complice l'estate, con l'inizio delle procedure del piano assunzioni 2015-2016 e la conferma del bando entro gli inizi di dicembre per il prossimo concorso scuola, la mobilitazione contro la riforma della Scuola Renzi-Giannini sarebbe naturalmente rientrata, probabilmente dovrà ricredersi: su iniziativa del Comitato per la LIP (acronimo per 'Legge di Iniziativa Popolare') si è tenuto un incontro a Bologna, dove associazioni, forze politiche e comitati civici hanno dato vita ad una vera e propria agenda di appuntamenti in vista della costruzione di un percorso che metta in crisi, sin dalle fondamenta, la 'Buona scuola'.

La lista di coloro che hanno partecipato e animato la giornata di Bologna è molto lunga: si va da esponenti politici (SEL, M5S, Altra Europa con Tsipras, PRC e altre piccole formazioni di sinistra) a rappresentanti di comitati civici (Acqua Bene Comune), passando per sindacati (Fiom, Gilda, FLC, USB, Cobas, Unicobas) e associazioni (Giustizia e Libertà).

L'idea di fondo che ha animato l'incontro è che la scuola sia il centro delle attività democratiche di un paese e che ciò che colpisce l'istituzione scolastica non può che colpire il paese nella sua interezza. In questo senso, si è cercato di porre le basi per un cammino che, partendo dalla necessità di organizzare la mobilitazione contro la riforma della scuola, sia in grado di aprirsi realmente alla società civile, costruendo un percorso di partecipazione e democrazia dal basso.

Ma non sono state fatte soltanto dichiarazioni di principio, bensì si è discusso attentamente di quale strategia mettere in campo ed è stato stilato una sorta di calendario dei prossimi appuntamenti di lotta e mobilitazione.

Calendario mobilitazione contro la riforma scuola 2015: sciopero generale e altro

La strategia decisa durante l'incontro sulla scuola di Bologna, organizzato dal Comitato LIP, ha determinato un calendario di eventi, a cui si è chiesto a tutte le realtà di partecipare attivamente e di favorirne la promozione:

  • venerdì 11 settembre: partecipazione alla Riunione Nazionale RSU
  • mercoledì 23 settembre: Notte Bianca della Scuola
  • venerdì 9 ottobre: adesione alla giornata di mobilitazione lanciata dagli studenti
  • sabato 19 dicembre: fiaccolata

Ma, ovviamente, non si tratta soltanto di questo.

Si è deciso, in accordo con i sindacati, di organizzare nel più breve tempo possibile un'importante giornata di sciopero generale della scuola e, per quanto riguarda i singoli istituti, specifiche azioni di lotta, come assemblee durante il primo giorno di scuola o pratiche di ostruzionismo per evitare le azioni e l'insediamento del Comitato di Valutazione.

Contemporaneamente, si prosegue in due direzioni: da un lato l'attenta analisi tecnico-giuridica in vista di un possibile referendum abrogativo della 'Buona scuola' da organizzarsi per la primavera 2017 e dall'altro, a partire dalla primavera 2016, la raccolta firme per la presentazione della LIP. Insomma, il mondo della scuola non si arrende e quest'autunno si prevede particolarmente caldo, per aggiornamenti e approfondimenti sulle questioni scolastiche, cliccate su 'Segui' in alto sopra il titolo dell'articolo.