Ecco finalmente la Social Card Straordinaria 2015, in realtà si tratta di una Social Card già approvata da due anni, ma per mancanza di fondi è stata distribuita solo in poche zone d'Italia. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta, quali sono i requisiti necessari e come richiederla.

Che cos'è la Social Card per disoccupati

La Social Card è un sostegno economico rivolto ai disoccupati che parte da un minimo di 231 euro ad un massimo di 400 euro e viene ricaricata per dodici mesi con cadenza bimestrale.

Pubblicità

In realtà è una carta ricaricabile, facente parte del circuito Mastercard la quale può essere utilizzata con tutti i normali POS e per prelevare nel circuito di Poste Italiane.

Requisiti necessari per ottenerla

I requisiti necessari per poterla richiedere sono i seguenti:

  • presenza di almeno un minore di 18 anni in famiglia
  • essere cittadini italiani o comunitari
  • certificato ISEE non superiore a € 3000 e patrimonio immobiliare certificabile da ISEE non superiore a € 8000
  • residenza da almeno un anno nel comune dove si produce la domanda
  • presenza in famiglia di almeno un membro di età compresa tra i 15 e 66 anni che sia disoccupato e che abbia perso un impiego lavorativo negli ultimi 36 mesi
  • non possedere un autoveicolo immatricolato nell'ultimo anno
  • non si deve possedere un immobile dal valore IMU superiore a € 30.000
  • i richiedenti devono essere residenti nelle seguenti regioni e città italiane: Abruzzo, Campania, Puglia, Molise, Basilicata, Sicilia,Sardegna e Calabria. Le città sono: Bari, Torino, Verona, Venezia, Bologna, Firenze, Catania, Napoli, Palermo, Milano e Roma.

Come fare domanda

Il Ministero del Lavoro ha specificato che per ora non si può ancora fare domanda, ma a breve verrà avviatala la procedura di presentazione. Tutti gli i interessati potranno chiedere informazioni presso il proprio Comune o Ufficio Postale più vicino, per avere notizie più precise sulla tempistica e la modalità di presentazione e la documentazione da presentare in sede di richiesta.

Pubblicità

L'Ente riceverà l'istanza e la trasmetterà per l'approvazione alla sede Inps di competenza, la quale provvederà ad erogare agli interessati l'importo di competenza.

Se vuoi rimanere aggiornato sui miei articoli, oppure su questo argomento, clicca sul bottone “Segui” vicino al mio nome ad inizio articolo.