Caldissimo il tema delle Pensioni, con le ultime notizie, all’indomani del via libera del Quirinale all’iter della Legge di Stabilità 2016, che vedono le opposizioni pronte a sostenere diverse modifiche al testo del ddl del Governo Renzi. A tal proposito, la fronda parlamentare che si accinge a sostenere un nutrito numero di modifiche è proprio la minoranza Dem. Quali sono queste modifiche? In primis, stop alle penalizzazioni anche per gli assegni liquidati prima dell'anno 2015 (questa misura, già contenuta nel ddl approvato il 1° ottobre dalla Commissione Lavoro, è poi sparita dalla Legge di Stabilità).

Altre modifiche al testo, su cui ci sarà una più che probabile convergenza di minoranza dem e opposizioni, interesseranno anche, per estendere il novero dei beneficiari, la settima salvaguardia(emendamenti in arrivo anche per rivedere le limitazioni che tagliano fuori agricoli e stagionali).

Anche la minoranza parlamentare, con Sel - M5S - Lega Nord in testa, ha annunciato la volontà di sostenere misure di portata più ampia, rispetto a quelle indicate del Governo, per estendere la tutela a tutti i lavoratori esodati, inclusi i Quota 96 scuola, i macchinisti ferroviari, i lavoratori quindicenni.

L’iter della Legge di Stabilità in Parlamento

Dopo il via libera del Quirinale, è ufficialmente partito l'iter della Legge di Stabilità. Il ddl è approdato al Senato, dove la commissione Bilancio ha iniziato il suo lavoro. Il termine ultimo per presentare emendamenti al testo è il 14 novembre. L’esordio in Aula del ddl Stabilità per la sua discussione dovrebbe avere luogo il 16 novembre, con la sua approvazione al Senato stimata entro la fine dello stesso mese.

Dopodiché il ddl passerà all'esame della Camera, la quale concluderà la fase deliberativa solo se lo approva senza apportare modifiche; in caso contrario, il disegno tornerà al Senato. Fintantoché il testo approvato alla Camera e al Senato non sarà uguale, avremo la cosiddetta navettada una camera all’altra.

Stabilità 2016: possibili emendamenti Esodati e Opzione Donna, le parole di Damiano

Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera e rappresentante di quella minoranza Dem cosiddetta “dialogante”, indica in previdenza e lavoro i temi cruciali della discussione sull’approvazione della Legge di Stabilità 2016.

A tal proposito, sul tema Esodati – sostiene Damiano – "La settima salvaguardia è una scelta sacrosanta dell’Esecutivo” ma noi “esamineremo il testo con cura per capire chi è ancora escluso”. Secondo i dati dell'INPS, restano fuori ancora 20.000 lavoratori e “escluderli – spiega Damiano –vorrebbe dire abbandonarli”.

Sull’Opzione Donna è sempre il presidente della Commissione Lavoro della Camera a pronunciarsi: per quanto riguarda la cosiddetta Opzione Donna,sarebbe assurdo escludere, come pure pare, tutte quelle lavoratrici che compiono gli anni nell'ultimo trimestre del 2015.

Segui le tue passioni.
Rimani aggiornato.

Nel salutarvi, rinnoviamo l'invito a cliccare sul tasto segui in alto (subito sopra il titolo di questa news) per non perdere nessuno dei nostri articoli di previdenza e lavoro; e a partecipare attivamente alla discussione sulle pensioni, lasciando un commento qui sotto.

Segui la nostra pagina Facebook!