Arrivano direttamente dal Ministro del lavoro Giuliano Poletti i dettagli riguardanti l'avvio di una nuova misura di flessibilizzazione per coloro che stanno aspettando un meccanismo di scivolo previdenziale al fine diuscire dallavoro in età avanzata. "Viene confermata la staffetta generazionale attraverso la solidarietà espansiva, che passa per gli accordi aziendali" spiega l'esponente dell'esecutivo durante una conferenza stampa. Ma le modalità di funzionamento stanno già creando commenti e opinioni contrastanti, visto che la platea dei potenziali destinatari appare ristretta da parametri piuttosto ferrei.

"Chi è a 2 anni dalla pensione di vecchiaia potrà concordare un part - time di almeno il 50%, condizionato a nuove entrate, mentre la pensione integrerà il salario". La misura sarà pertanto condizionata da una contrattazione tra lavoratori e azienda, che si presume avverrà in forma collettiva tramite l'intermediazione dei sindacati.

Riforma pensioni, novità anche per esodati e opzione donna. Spunta nuova no - tax area

Stante la situazione, il capitolo della previdenza sembra destinato anche a registrare dei nuovi interventi di salvaguardia.

Si parte dagli esodati, che vedranno finalmente arrivare la settima salvaguardia di tutela dopo lo stop verificatosi nella prima parte di settembre, quando il consenso politico sembrava dare ormai per scontato l'avvio della misura. Con questa conferma "arriviamo a circa 172mila salvaguardati e consideriamo concluso il percorso" spiega il Ministro Poletti. Vi è poi la conferma dei pensionamenti anticipati con l'opzione donna per le lavoratrici che hanno maturato il diritto alla quiescenza con 57 anni di età (58 se autonome) e 35 di versamenti, accettando però il ricalcolo contributivo della mensilità.

Per loro, il Governo prevede di stanziare circa 2 miliardi di euro fino al 2021. Arriva infine anche una misura in favore di chi è già in pensione, visto che la parte di redditi soggettaa detassazione (conosciuta anche come no-tax area) salirà fino a 7750 euro (8000 euro per chi ha compiuto più di 75 anni d'età).

Come da nostra abitudine, restiamo a disposizione qualora desideriate aggiungere un vostro commentosulle dichiarazioni che vi abbiamo appena riportato, mentre per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti riguardanti il tema della flessibilità previdenziale vi suggeriamo di cliccare il comodo pulsante "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!