Si attende una decisione finale sulla questione dei rinnovi dei contratti pubblici, ma l'Anief ha dichiarato che il Governo è attualmente molto lontano da quanto preventivato da alcune stime: dovrebbero essere necessari 12 miliardi per il rinnovo, ma potrebbero arrivare solo 300 milioni di euro. Tale cifra consentirebbe un aumento degli stipendi pubblici di soli 10 euro al mese, una cifra irrisoria. Nel frattempo, anche i sindacati si preparano ad un possibile scontro.

Pubblicità
Pubblicità

La questione del rinnovo è stata affrontata anche durante le fasi che hanno preceduto la definizione della riforma Buona Scuola, ma è stata data più importanza al piano assunzioni e a tutte le novità ormai note a tutti gli insegnanti italiani. Scopriamo i dettagli nel particolare.

Anief e sindacati contro il Governo per il rinnovo contratti pubblici

La proposta del Governo è considerata davvero troppo misera se paragonata a quanto è stato preventivato dall'Anief per il rinnovo dei contratti pubblici, un nodo sul quale si dibatte da tempo e che richiede necessariamente un intervento deciso per una soluzione definitiva della questione.

Come già anticipato, il Governo sarebbe pronto ad utilizzare 300 milioni di euro per il rinnovo, soldi che permetterebbero un aumento degli stipendi pari a soli 10 euro mensili. Tale cifra appare davvero troppo bassa se paragonata ai 12 miliardi che l'Anief ha indicato come necessari per poter rispettare la percentuale fissata al 9,6% dell'IPCA, l'Indice dei Prezzi al Consumo Armonizzato per l'Unione Europea, ed evitare che gli stipendi siano rimodulati senza tenere conto dell'inflazione.

Pubblicità

Il presidente Marcello Pacifico ha dichiarato che, qualora le cose non dovessero cambiare, il ricordo al tribunale del lavoro sarà un intervento necessario. I sindacati si schierano da parte dei lavoratori dell'impiego pubblico: il sindacato UIL ha semplicemente definito come inaccettabile la decisione del Governo.

Si attende ora il dibattito previsto tra Governo e sindacati previsto all'ARAN, un dibattito decisivo che servirà anche a capire quali sono le intenzioni del Governo e quanto bisognerà ancora attendere prima di arrivare ad un qualcosa di concreto. 

Se siete interessati alla riforma della scuola e del mondo del lavoro e volete ricevere le ultime notizie, vi invito a cliccare il tasto 'Segui' in alto a sinistra e votare la news selezionando da 1 a 5 stelle in alto a destra.

Leggi tutto