Eccoci come di consueto a raccontarvi le ultime notizie di oggi 27 ottobre sulle Pensioni e sulla tanto attesa flessibilità in uscita. Che Renzi e la sua manovra all'interno della Legge di Stabilità abbiamo scontentato quasi tutti i lavoratori è cosa ormai risaputa, ma ora contro il Premier si stanno schierando anche molti parlamentari, i sindacati e non ultimo il presidente dell'INPS Tito Boeri, che fino a qualche mese fa sembrava in ottimi rapporti con il Governo. Vediamo cosa ha detto a riguardo della pensione anticipata 2015-2016 e sul mancato intervento del Governo in questa finanziaria.

Pensione anticipata 2015, ultime notizie, parla Tito Boeri dell'INPS e attacca Renzi

Parole che non lasciano possibilità di interpretazione quelle di Boeri, che critica aspramente il Governo e il suo tergiversare evitando una riforma per garantire maggior flessibilità in uscita grazie a nuove forme di pensione anticipata. "Pensavo che il 2015 potesse esserel'anno della riforma delle pensioni. E' davvero molto importante farla, non solo per la flessibilità in uscita ma anche per il ricambio all'interno della P.A.

Boeri non nasconde che l'INPS si aspettava di più da questa legge di Stabilità, e non nasconde la sua delusione. Continua poi dicendo che la solita motivazione delle poche coperture finanziarie non è sufficiente, visto che "Prendendo la direzione diun'uscita flessibile, questo comporta inizialmente dei disavanzi più ampi ma poi, nel corso del tempo, se la cosa è disegnata nel modo giusto questo porterà in futuro a dei disavanzi limitati".

Ultime news pensioni oggi 27 ottobre 2015: Damiano: "includere l'ultimo trimestre del 1958 nell' Opzione Donna

In attesa di una pensione anticipata nel 2016, si combatte in queste ore sul fronte dell'Opzione Donna, in modo che sia modificata la misura presente nella Legge di Stabilità. L'ennesimo appello arriva senza mezze misure dal presidente della Commissione Lavoro Damiano, che spiega che "sarebbe inconcepibile escludere dalla normativa, come pare, le lavoratrici che compiono gli anni nell'ultimo trimestre del 2015.

Ovviamente noi siamo completamente d'accordo e ci aspettiamo provvedimenti da parte del Governo. Sui social, soprattutto Twitter, l'Hastag #OpzioneDonna continua a imperversare e la protesta non si fermerà finchè non saranno incluse anche le ultime nate del 1958! Per tutte le ultime notizie sulle pensioni cliccate segui in alto, e fateci sapere cosa ne pensate facendo sentire la vostra voce nei commenti qui sotto!

Segui la nostra pagina Facebook!