Dal sito Miur è possibile leggere la notizia che forse nessuno si aspettava: la Commissione Europea ha archiviato la procedura di infrazione contro l'Italia per la reiterazione dei contratti a termine dei precari della Scuola, che era stata aperta nel 2010. La Giannini non trattiene commenti gioiosi e positivi sull'operato del Miur negli ultimi mesi e sugli effetti del progetto 'Buona Scuola'.

Sentenza precari Miur: Stefania Giannini contenta dei risultati

Riguardo all'archiviazione del procedimento sull'abuso dei contratti a tempo determinato dei precari della scuola, il ministro dell'Istruzione commenta affermando che con la Buona Scuola si è data una risposta credibile ai problemi non risolti per anni, a partire dal precariato storico.

Quella della Commissione Europea è una conferma della validità e serietà dell'operato del Governo. Sui suoi stessi toni, anche Sandro Gozi, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega agli Affari europei. I due rappresentanti della 'Buona Scuola' assicurano che l'abitudine di utilizzare i precari in modo reiterato allo scopo di coprire i posti vacanti nelle scuole sta per cessare, a dimostrazione del fatto che il Governo italiano vuole veramente risolvere in modo strutturale i problemi della scuola, soddisfacendo le sue esigenze.

Menzionando poi la fase C, attualmente in corso, i due ricordano che sono stati creati 55mila posti dell'organico di potenziamento allo scopo si arricchire l'istruzione e garantire agli studenti un futuro scolastico migliore. Una scelta, che sottolineano, non erano obbligati a fare.

Cosa ne pensano i precari della scuola?

Ci piacerebbe sapere cosa pensano i precari della scuola di questa decisione della Commissione Europea e dei commenti del ministro Giannini e del Sottosegretario Gozi.

La Buona Scuola ha davvero risolto il problema del precariato storico? Lasciateci pure i vostri commenti alla fine dell'articolo.

Per restare aggiornati sul mondo della scuola, cliccate il tasto Segui in alto vicino al titolo.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!