Con tutti i cambiamenti apportati e le novità introdotte dall'esecutivo, quali e quante delle agevolazioni previste in passato, per sostenere i cittadini in difficoltà, saranno nel 2016 ancora in vigore? Vediamo cosa cambia e cosa rimane di alcuni interventi di aiuto a chi versa in condizioni difficili, non riuscendo ad andare avanti in un periodo in cui la povertà a causa della mancanza di lavoro sta, giorno dopo giorno, riguardando fette nuove di popolazione.

Social Card. Anchenel 2016 spetta ai cittadini con più di 65 anni e con meno di 3 anni di età,la social card cioè un sostegno economico di 40 euro mensili (accreditati ogni due mesi), utilizzabili per alimentari, bollette e spese mediche.

Per potervi accedere si deve avere i seguentirequisiti:

  • cittadinanza italiana o cittadino UE
  • Iseenon superiore a 6795,38 euro
  • nonavere un contratto intestato di elettricità, di 2 o piùcontratti delgas e di 2 o più auto
  • non possedere una quota superiore al 25% di un immobile abitativo
  • nonpossedere una quota superiore al 10% di un immobile non abitativo o all’estero
  • non possedere un patrimonio mobiliare secondo criteri Isee oltre i15mila euro.

I Bonus

Bonus libri. Per il 2016 è ancora in vigore e riguarda coloro che hanno figli nella scuola dell’obbligo (valevole quindi fino al secondoanno delle superiori)e un basso reddito, per ottenere il beneficio si deve fare domanda al proprio Comune di residenza.

Bonus affitto. Ammessa anche per il 2016 la detraibilità delle spese effettuate per l’affitto dal 730, per una somma pari a 300 euro per coloro che percepiscono un reddito non superiore a 15.493,71 euro e di 150 euro per redditi fino a 30.987,41 euro. Per la cedolare secca, l'affitto di terreni agricoli ai giovani di età inferiore ai 35 anni, canone giovani e canone di affitto per lavoratori che si sono spostati di residenza per lavoro le detrazionisono scaglionate a seconda del reddito fino ad un massimo di500 euro.

Bonus bebe’. Rimarrà in vigore fino al 31 dicembre 2017, fornisce ai genitori un contributo mensile di 80 euro in presenza di unIsee inferiore a 25mila euro. La domanda vainoltrata all’Inps entro 90 giorni dalla nascita o dall'arrivo in famiglia del bambino, per il caso dell'adozione.

Mutuo casa.Rivolto alle giovani coppie di cui almeno uno dei due di età inferiore ai 35 anni, o alle famiglie monogenitoriali o con figli minori o ai titolari dilavoro con contratti atipici, purché di età non superiore ai 35 anni.

Necessita di un'apposita domanda corredata dei documenti richiesti, misura incentivante all'acquisto della prima casa.

Tutte queste misure apprezzabili,ma non sostituenti la necessità di lavoro di giovani (e di coloro che non sono ancora in età da pensione). I giovani laureatiecon titoli specializzanti senza un lavoro sono tantissimie non possono neanche permettersi di mettere su famiglia, quello che manca nel nostro paese è il lavoro regolare e stabile, mentre c'è ancora tanta precarietà e sfruttamento, grazie a forme contrattuali che eludono le regole(es. abuso di contratti di formazione)o il lavoro nero e sottopagato, che ha preso eccessivamente piede negli ultimi anni.

Segui la nostra pagina Facebook!