Le Pensioni del 2016 non subiranno la decurtazione dovuta alla rivalutazione negativa dell’indice dei prezzi al consumo calcolato dall’Istat. Infatti la recente legge di Stabilità 2016 ha decretato che i pensionati non dovranno rimborsare quanto percepito in più nel 2015.

Mancato taglio delle pensioni a gennaio 2016: lo decreta la legge di Stabilità 2016

Proprio l’Istituto nazionale di statistica (Istat) ha pubblicato in data 15 gennaio i dati relativi all’indice dei prezzi al consumo: nello scorso anno, rispetto al 2014, l’indice è stato pari al -0,1 per cento.

Questa statistica è utilizzata per l’aggiornamento delle pensioni per il 2016 che, dunque, dovrebbero subire un corrispondente taglio. Non sarà così, proprio perché secondo il comma 287 della legge di Stabilità 2016 le pensioni non potranno essere rivalutate con un indice inferiore allo zero. Pertanto gli assegni pensionistici avranno un importo uguale a quello dello scorso anno.

Ricordiamo che il dato definitivo del 2015 è stato pari al -0,1% derivante dalla differenza tra quanto preventivato di rivalutazione a gennaio di un anno fa che era dello 0,3 per cento e quanto risultante, in maniera definitiva, a novembre 2015, in percentuale dello 0,2.

La differenza, dunque, sarebbe dovuta essere rimborsata proprio sulle pensioni in pagamento in questo mese. Si tratta di un importo variabile tra i 16 ed i 20 euro sulle pensioni di importo variabile una pensione dai 1.400 ai 3.000 euro al mese, ovvero per gli assegni il cui importo si attesta tra le tre e le sei volte le pensioni minime.

Rimborso pensioni, la decurtazione è rinviata al 2017

Tuttavia se per il 2016 le pensioni non verranno toccate, la stessa cosa non si può dire per il gennaio del 2017.

Infatti, il governo dovrebbe intervenire con un decreto il prossimo novembre per decretare la non applicazione del taglio un tantum dovuto all’indice negativo. E’ lo stesso comma 288 della legge 208 del 2015, scrive il quotidiano Il Sole 24 ore, a decretarlo rinviando a gennaio del 2017 il rimborso di quanto si sarebbe dovuto versare quest’anno.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!