Resta palese l'insoddisfazione dei sindacati per l'attuale situazione legislativa riguardante welfare, lavoro e previdenza, tanto che in molti prospettano i prossimi mesi come momenti dialettici molto accesi tra Governo e parti sociali. "Per noi dell'Unione generale del lavoro il 2016 sarà, anzi già è, un anno di grandi battaglie" spiega il Segretario Generale UGL Francesco Paolo Capone, lasciando intendere che su questi temi è già presente una grande partecipazione dal basso da parte dei lavoratori e degli iscritti.

D'altra parte, le discussioni avvenute internamente hanno portato alla necessità di un cambio nell'attuale paradigma che caratterizza le questioni sociali. "Le mozioni approvate ci impegnano su temi di grande rilevanza" spiega il sindacalista riferendosi alla nuova legge del lavoro, ma anche alla questione delle tante situazioni di stallo previdenziale che caratterizzano le attuali regole d'ingresso nell'Inps.

Riforma pensioni, mozioni approvate dal sindacato sono a favore di lavoro e flessibilità previdenziale

Stante la situazione, Capone ha sottolineato in un comunicato diffuso dal sindacato Ugl come "le mozioni approvate ci impegnano [...] sulla partecipazione, sul contrasto al jobs act, sulla flessibilità in uscita in materia previdenziale". Ma sopra ogni cosa, "il maggior impegno va a difesa del nostro cavallo di battaglia", riferendosi alla possibilità di condividere "la responsabilità tra lavoratori e imprese nella gestione delle aziende".

Un punto di incontro sul quale l'Unione generale del lavoro "ha sempre creduto e che è sancito nell'articolo 46 della Costituzione". Resta il fatto che dal Governo continua a permanere la politica del basso profilo e del silenzio, soprattutto in merito alla vicenda della flessibilità previdenziale e dell'introduzione di uno strumento strutturale nell'accesso agevolato alla pensione. Tanto che moltilavoratori si domandano quali saranno le prossime azioni da parte dei sindacati, qualora lo scenario non dovesse sbloccarsi attraverso delle nuove occasioni di confronto.

Come da nostra prassi, vi ricordiamo la possibilità di condividere le vostre idee e opinioni in merito alle ultime dichiarazioni che vi abbiamo riportato tramite l'aggiunta di un nuovo commento nel sito. Mentre per ricevere tutte le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni vi ricordiamo di cliccare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!