La televisione, pubblica o privata che sia, sta diventando lo strumento mediatico più apprezzato e più scelto da chi deve diffondere messaggi o far conoscere le proprie posizioni. Il capitolo Pensioni è il più richiesto, oltre che essere il più dibattuto. Lo stesso premier Matteo Renziha scelto la trasmissione di Barbara D’Urso "Domenica Live" per intervenire sul tema della riforma pensioni, per rassicurare i pensionati e coloro che vorrebbero andare in pensione. Il presidente del consiglio è stato chiaro: “Non si tagliano le pensioni nel modo più categorico, non si tocca la reversibilità, bisognerebbe invece mettere una tassa sul procurato allarme“.

Il governo è consapevole che la riforma pensioni Fornero ha fatto dei pasticci ai quali occorrerà mettere una toppa e porre rimedio. Ma adesso non è il momento giusto, ha affermato il premier.

La Cgil insiste sulla flessibilità in uscita e non cede di fronte alle difficoltà

Susanna Camusso, leader della Cgil, ha espresso la posizione del suo sindacato in tema riforma pensioni e legge Fornero. La posizione della Cgil, afferma la Camusso, è contro Renzi e il governo. Il suo sindacato sta ragionando su "come battere un colpo", in considerazione del fatto che ancora oggi l'esecutivo dopo unanno di annunci e promesse non ha affrontato l'argomento pensioni nella sua globalità ed in maniera strutturale sebbene se ne senta la necessità e l'urgenza.

Difatti, sottolinea la Camusso, in tema di riforma pensioni il governo deve pensare e provvedere a mettere in campo un’ottava salvaguardia per quei lavoratori esodati rimasti fuori dalle precedenti misure. Ha quindi sollecitato ancora una volta il governo affinché dia il via a quel tanto atteso tavolo di confronto sulla riforma della vigente legge pensionistica Monti-Fornero del dicembre 2011, che tanti problemi ha generato con la sua rigidità.

Laflessibilità in uscita, l'approvazione della quota 41 per i lavoratori cosiddetti precoci, la proroga dell'opzione donna oltre l'ottava salvaguardia, sono i temi caldi che il sindacato porrà sul tavolo e ai quali il governo del premier Renzi dovrà dare risposte. Europa permettendo. Difatti"sulle pensioni ancora oggi c’è una discussione con l’Unione Europea: quando si parla di flessibilità si parla di queste cose qui" afferma Renzi.

Seguiteci, vi terremo aggiornati, di certo la questione pensionistica non farà dormire sogni tranquilli ai protagonisti e noi ve ne renderemo conto.

Segui la nostra pagina Facebook!