Sono in arrivole nuove buste arancioni dell'Inps a sette milioni di contribuenti italiani, stavolta anche a un milione e mezzo di lavoratori statali, ma le previsioni sulla pensione futura simulata dall'ente previdenziale presenta previsioni troppo ottimistiche. Infatti, il calcolo è stato effettuato sul Prodotto interno lordo (Pil) pari all'1,5 per cento, come riportato dal quotidiano La Repubblica. Un valore che l'Italia non realizza da circa 10 anni, cioè dal +1,9 per cento degli anni2006 e 2007.

Per il resto, anzi, il Pil ha fatto registrare valori disastrosi come il -5 per cento del 2009, il -2,4 per cento del 2012 ed il -1,9 per cento del 2013.

Boeri sulle pensioni future: ripeteremo i calcoli con un Pilmeno ottimistico

Nello scorso anno, invece, il Prodotto interno lordo è cresciuto di appena lo 0,8 per cento, ben al di sotto di quelle che erano le previsioni di inizio anno.Sui calcoli ottimistici sulle Pensioni future degli italiani, il Presidente dell'Inps, Tito Boeri si è giustificato che i calcoli sono stati effettuati sulle stime fornite dalla Ragioneria dello Stato.

Ma, lo stesso Boeri, si è affrettato a dire che in futuro si faranno dei calcoli più realistici, basati su un più prudente Pil all'1 per cento.

Busta arancione Inps sulla pensione futura: perché è importante l'andamento del Pil

Il Prodotto interno lordo è un parametro fondamentale per il calcolo delle pensioni e del tasso di sostituzione netto: infatti, quest'ultimo rappresenta il rapporto di quanto si prenderà come assegno pensionistico e l'ultimo importo incassato nella busta paga della vita lavorativa del contribuente.

Sulla base del tasso di sostituzione netto, la stessa Ragioneria dello Stato ha fornito i valori percentuali di quanta pensione si percepisce in rapporto agli stipendi: un lavoratore dipendente prendedal 70,3 all'81,6% dell'ultima retribuzione a seconda degli anni di contributi versati e dall'età dell'andata in pensione. Per i lavoratori autonomi, invece, la forbice si abbassa da un minimo del 63,9 a un massimo del 75,4%.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!