Possono gli statali e il personale della Scuola, docenti e impiegati Ata, andare in pensione anticipata con il part-time previsto dalla legge numero 208 del 28 dicembre scorso varato dal Governo Renzi? La risposta è negativa, perché la possibilità di ridurre il proprio orario di lavoro per una percentuale compresa tra il 40 ed il 60 per cento, rinunciando ad una piccola parte dello stipendio e mantenendo inalterati i contributi per la pensione come se si continuasse a lavorare a tempo pieno è prevista solo per i lavoratori del settore privato.

Ovvero ai contribuenti non statali che entro la fine del 2018 maturino l'età necessaria (i 66 anni e sette mesi) per andare in pensione di vecchiaiae che, dunque, negli ultimi tre anni di lavoro hanno la facoltà di scelta deltempo parziale. Altro requisito necessario è l'aver versato almeno venti anni di contributi che, insieme all'età minima, formano quota 83,7.

Part-time pensionistico 2016: esclusi gli statali

Da questa novità di flessibilità pensionisticasono, pertanto, esclusi i dipendenti del pubblico impiego.

Tra questi ultimi, insegnanti e dipendenti amministrativi, tecnici ed ausiliari (ad esclusione dei direttori dei servizi generali ed amministrativi degli istituti scolastici - Dsga) potranno, però, accedere a due forme di part-time, già in vigore negli anni scorsi perché contemplati dal contratto o dalle normative in vigore. Tuttavia, a differenza dei lavoratori del settore privato, la scelta del part-time non contemplaalcuna agevolazione con conseguente perdita non solo dello stipendio, ma anche dei contributi figurativi.

Quali forme di part-time pensionistico per la scuola?

Infatti, con la richiesta di orario part-time, non sottoposto ad alcun vincolo di età e di contributi versati, il personale scolasticoa tempo indeterminato può fare richiesta diriduzione dell'orario di almeno la metà delle ore di servizio, con determinazione dello stipendio e dei contributi al nuovo orario, a meno che il contribuente non proceda con i versamenti volontari per riscattare la quota che non facciapiù parte della retribuzione.

In alternativa, si può chiedere il part-time previdenziale previsto dal D.m. numero 331 del 29/07/1997 con mutamento del proprio orario di lavoro se, però, si è in possesso dei requisiti per la pensione anticipata contributiva, ovvero di un numero totale di contributi versati pari a 41 e 10 mesi per le donne ed un anno in più per gli uomini. Tale possibilità è scelta, normalmente, in via del tutto eccezionale dal personale scuola in possesso dei requisiti di anzianità, prima della maturazione di quelli per la pensione di vecchiaia.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!