Continuano a tener banco, tra le ipotesi di riforma della Pubblica Amministrazione del ministro Madia, le possibili alternative di aumento di stipendio per il recupero dell'inflazione subita nei sette anni di blocco del contratto degli statali. Tra i trecento milioni di euro stanziati un anno fa dall'Esecutivo di Renzi per il rinnovo dei contratti per l'anno 2016 e i sette miliardi richiesti dai sindacati per recuperare quanto perso dagli statali dal 2009, Il Sole 24 Ore di oggi ipotizza che le risorse che il Governo Renzi potrebbe mettere sul piatto per i tre anni 2015, 2016 e 2017 non andrebbero oltre il miliardo e duecento milioni di euro.

Sbocco contratto statali 2016: aumento stipendi in relazione all'inflazione

L'importo che potrebbe essere determinante ai fini del rinnovo del contratto degli statali tiene conto dei dati diffusi dall'istat relativi all'inflazione per il triennio: dallo 0,7 per cento di perdita di potere di acquisto per il 2015 si è passati allo 0,5 per cento del corrente anno, mentre le previsioni per il 2017 parlano di un aumento fino all'1 per cento. Tali percentuali, applicate al totale della massa delle retribuzioni dei dipendenti pubblici, arriverebbero a determinare un costo per le casse statali di un miliardo e duecento milioni di euro, ai quali andranno aggiunti i costi per rinnovare il contratto dei lavoratori delle regioni e degli enti locali che le relative amministrazioni dovrebbero trovare all'interno dei propri bilanci.

Rinnovo contratto statali2016: di quanto potrebbero aumentare gli stipendi?

Da questo punto di vista, dunque, il rinnovo dei contratti degli statali produrrebbe un incremento modestissimo della retribuzione mensile. Infatti, secondo i calcoli fatti dal quotidiano economico, la media sarebbe di un aumento intorno ai 20 euro mensili, oltretutto lordi, che potrebbero poi oscillare tra i 16 ed i 40 euro in base ai livelli di retribuzione.

Sarà su queste basi che il Governo Renzi giocherà le proprie carte nel tavolo delle trattative con i sindacati che dovrà essere aperto nelle prossime settimane.

Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!