Siamo alla vigilia del tanto atteso e disprezzato test di medicina, che dopo le solite smentite e bufale, si ripete come ogni anno. Incubo dei sognatori e fondo cassa di università e scuole, che dietro lauti pagamenti si rendono partecipi delle fatiche del ragazzo per la preparazione al test. Il 6 settembre sarà per tutti il capolinea del percorso di studi, per pochi la ricompensa a mesi sulle "sudate carte", per molti (altrettanto bravi) forse solo il merito di averci provato, consapevoli di aver dato il meglio. Analizziamo ora i numeri del test di quest'anno.

Pubblicità
Pubblicità

Chi ha iniziato prima e il resto

Le università private di Roma e Milano hanno svolto i test nelle seguenti date:

  • Università Cattolica di Roma, 31 marzo;
  • San Raffaele di Milano, 30 agosto;
  • Campus Bio-medico Roma, prova scritta 26 agosto, prova orale dal 31 agosto al 2 settembre.

Il test del 6 settembre è riservato invece alle Università pubbliche che in queste ore comunicheranno agli iscritti, nell'account personale o tramite il sito, le sedi prescelte e i posti disponibili. 

Un test che si testa

Negli anni, anche il test di medicina è cambiato. Dall'iniziale divisione di Medicina e Odontoiatria all'accorpamento nel 2011, dal Cambridge Assessment del 2013, che modificò il contenuto delle prove e il numero dei quesiti, con graduatoria nazionale, al ritorno alla compilazione del Miur.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Diversi sono stati i ricorsi, anche vinti, come quello inerente l'anno accademico 2014/2015, che ha visto l'iscrizione in soprannumero di 9.000 studenti. Anche le tipologie di domande e il loro numero è cambiato col tempo:

2016: 2 cultura generale, 20 logica, 18 biologia, 12 chimica, 8 fisica e matematica; 90 minuti/60 domande

2014: 4 cultura generale, 23 logica, 15 biologia, 10 chimica, 8 fisica e matematica; 100 minuti/60 domande

2012: 40 cultura generale e logica, 18 biologia, 12 chimica,10 fisica e matematica; 120 minuti/80 domande.

I posti disponibili

Il 30 giugno il Miur, tramite comunicato ufficiale, aveva annunciato che per Medicina i posti disponibili sarebbero stati 8.817, per Odontoiatria 850 e Veterinaria 655. Il 6 luglio, invece, un nuovo comunicato ha informato su un aumento dei posti: Medicina con 9.224 e Odontoiatria 908. Nel 2015 vi erano 9.530 posti.

Gli iscritti totali ai test del 6 settembre sono 62.695, più del 2015 quando se ne sono contati 60.639.

Nonostante i numeri con la loro freddezza e ineluttabilità possano spaventare, e il solito criticismo italiano demoralizzare, c'è chi considera il test di medicina italiano un merito.

Pubblicità

In un articolo del "Corriere della Sera", intitolato "Elogio del test di Medicina", si spiega come i laureandi e laureati in Medicina siano all'avanguardia rispetto ai colleghi europei, anzi più motivati e volenterosi di emergere.

Il quiz è visto come un imbuto in grado di setacciare i ragazzi più meritevoli e studiosi sin dal liceo, con una cultura enciclopedica e pronti a ogni sfida, capaci di fare da referee ad uno studio internazionale. Stephen Workman, rettore di una delle università della Virginia, al "Corriere della Sera" spiega che "precluderemo l'accesso a Medicina a quegli studenti che magari fanno bene l'esame ma non sanno comunicare". Non resta che fare uno spontaneo "in bocca al lupo" ai nostri amici, compagni e colleghi.

Pubblicità

"La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione" (Lucio Anneo Seneca, filosofo).

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto