Le anticipazioni sulla bozza della legge di bilancio 2017 del Governo Renzi sulla riforma delle Pensioni rivelano i meccanismi che saranno alla base dei due interventi più attesi per le categorie di lavoratori più in difficoltà che potranno andare in pensione anticipata con l'Ape social o con la Quota 41 dei contribuentiprecoci. In attesa dell'ottava legge di salvaguardia per i lavoratori esodati, la bozza riporta le undici categorie di contribuenti che potranno essere considerati come lavoratori usuranti.

Pensione anticipata 2016: chi sono gli usuranti per l'Ape social o precoci quota 41?

La classificazione è di fondamentale importanza perché l'accesso all'anticipo pensionistico social o alla quota 41 dei precoci prevede che si debba essere o disoccupati, o disabili oppure rientrare tra le professioni faticose. Pertanto, potranno andare in pensione anticipata senza pagare il prestito pensionistico dal 1° maggio del 2017 al 31 dicembre del 2018 (nella fase sperimentale), i seguenti lavoratori:

  • edili;
  • maestre d'asilo;
  • infermieri ed ostretiche;
  • conduttori di gru;
  • conciatori;
  • macchinisti e camionisti;
  • chi assiste persone non autosufficienti;
  • operatori ecologici;
  • addetti alle pulizie;
  • facchini.

Ulteriore novità tra i requisiti che vengono riportati nella bozza della legge di Bilancio di Renzi è quella della durata del lavoro usurante: dovrà essere stato svolto da almeno sei anni con il versamento totale di contributi pari a trentasei anni.

Gli anni di contributi scendono a trenta per chi è rimasto disoccupato e non abbia più possibilità di accedere agli ammortizzatori sociali. La dote della pensione anticipata social per il prossimo anno saràpari a trecento milioni.

Pensioni anticipate Ape 2017: chi potrà chiederla volontariamente?

L'alternativa per chi non dovesse rientrare nelle categorie di pensione anticipata a costo zero e volesse comunque uscire da lavoro a partire dai 63 anni, è l'anticipo pensionistico volontario.

Tra le ultime novità, sulla bozza del disegno di legge di Renzi è riportato che il prestito potrà essere concesso a chi avrà un reddito di pensione non inferiore a 730 euro mensili.Sull'Ape volontaria, il Governo Renzi investirà settanta milioni di euro: serviranno a ridurre l'impatto delle quote assicurative connesse al prestito pensionistico. Quest'ultimo dovrà essere restituito in rate mensili (dodici all'anno) nei venti anni sucessivi al raggiungimento della pensione di vecchiaia.

Segui la nostra pagina Facebook!