Le ultime notizie Scuola, ad oggi, giorno di Natale 2016, riguardano la difficilissima situazione in cui versano molti istituti italiani per la carenza di dirigenti scolastici. A sottolineare la drammaticità della questione, è intervenuto il sindacato Anief che, sottolineando come l''atto di indirizzo 2017 pubblicato dal Miur proprio l'altro ieri, abbia posto in primo piano l'immediata esigenza del concorso per i presidi.

Ultime news scuola, domenica 25 dicembre 2016: Anief, 'Subito concorso DS, pochi e mal pagati'

In questo anno scolastico 2016/2017 sono, infatti, circa milletrecento le scuole costrette ad essere affidate a direttori scolastici in reggenza, alcuni dei quali addirittura devono fare i salti mortali nel gestire anche 10-15 istituti.

Un concorso che dovrà essere bandito subito, già dai primi giorni dell'anno nuovo, altrimenti non si riuscirà a fare in tempo ad espletare le operazioni di immissioni in ruolo dei vincitori entro il prossimo mese di settembre 2017: le conseguenze sarebbero, a dir poco, catastrofiche visto che le reggenze aumenterebbero inevitabilmente.Secondo il presidente dell'Anief, Marcello Pacifico, occorre intervenire subito, altrimenti una scuola su tre, il prossimo anno, dovrà fare i conti con un preside costretto a fare i salti mortali e a 'girare come una trottola'-. E' da due anni che la scuola pubblica italiana attende il nuovo concorso: oltre ciò, la legge 107 ha imposto ai dirigenti scolastici nuove e pesanti responsabilità da assolvere.

Concorso dirigenti scolastici, ultime notizie: appello al ministro Valeria Fedeli

Inoltre, Pacifico ha sottolineato come gli stipendi dei presidi italiani sono ampiamente inferiori rispetto a quelli degli altri dirigenti pubblici e decisamente inadeguati rispetto alla mole di lavoro che sono costretti a svolgere. In media, infatti, la retribuzione annua di un preside viene stimata in 57mila euro lordi contro i 100 mila di un dirigente della PA e i 107 mila euro di un dirigente del settore privato.

Dunque, il ministro Valeria Fedeli è chiamato a porre immediatamente rimedio a questa situazione drammatica e a restituire dignità alla figura del dirigente scolastico.