Novità sul fronte delle Pensioni per il 2017 arrivano dalla proposta del Movimento 5 Stelle di rimborsare i contributi per quei lavoratori che non dovessero maturare la pensione. E' quanto scrive sul proprio profilo Facebook Roberta Lombardi, firmataria, insieme a Cominardi, Tripiedi, Ciprini, Chimienti e Dall'Osso, della proposta di modifica della legge numero 509 del 30 giugno 1994 e di ulteriori discipline di pensione che riguardano la previdenza obbligatoria. E' necessario, si legge nel commento della Lombardi, che le casse di previdenza relative ai professionisti possano tornare pubbliche e che gli iscritti debbano avere la possibilità di vedersi rimborsati i contributi che hanno versato, ma che sono sono stati sufficienti per arrivare alla pensione.

Riforma pensioni 2017, proposta Movimento 5 Stelle sulle casse previdenziali

Il primo passo, dunque, nella riforma delle pensioni e nella restituzione di quanto versato, ma che non tornerà indietro come assegno di pensione, è quello di rendere nuovamente pubbliche le casse che furono privatizzate con la legge del 1994. Tale passaggio è urgente in quanto, secondo i Cinquestelle, molte delle casse private sono gestite male, con buchi di bilancio notevoli, tali da compromettere la futura erogazione delle pensioni stesse. Inoltre, oltre al rientro nella sfera pubblica delle casse privatizzate, il Movimento 5 Stelle propone che le stesse debbano essere suddivise in tre aree e un meccanismo di controllo che sia affidato alla Covip, ovvero alla Commissione di vigilanza dei fondi pensione e all'Anac, ossia all'Autorità nazionale anticorruzione di Raffaele Cantone.

Pensioni 2017, rimborso dei versamenti se non si arriva alla pensione?

La novità più interessante per i contribuenti presente nella proposta di riforma del sistema delle pensioni è il diritto per i cittadini di vedersi rimborsare i contributi che hanno versato nel caso in cui si ritirino dalla cassa. Il ritiro può avvenire, ad esempio, perché nel frattempo si è cambiato lavoro o perché il contribuente è rimasto disoccupato.