Le ultimissime notizie al 7 aprile sulle pensioni precoci e sulla quota 41 giungono dal precoce Maurizio d'Onofrio, moderatore del gruppo 'lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti', presente, insieme ad una piccola delegazione di precoci, ieri sera davanti al Ministero del Lavoro al termine dell'incontro tra Governo e sindacati. Il lavoratore, confrontandosi con noi, ci illustra le principali novità in merito alla riforma previdenziale che a breve prenderà il via. I decreti attuativi al momento non vi sono, ci conferma, ma sarebbero in fase di stesura finale.

Il problema restano i fortissimi limiti relativi alla quota 41 per i precoci, lieve apertura solo per gli edili. I dettagli e le notizie esclusive al 7 aprile 2017.

Novità pensioni 2017 e Q41, intervista esclusiva al precoce Maurizio d'Onofrio

-Ieri era presente insieme ad una piccola delegazione di precoci dinanzi al ministero del lavoro, quali nuove può darci circa l'esito dell'incontro tra governo e sindacati?

Ci aspettavamo che il governo prendesse in considerazione le nostre richieste, cioè modificare la norma che esclude i disoccupati che hanno avuto la "sfortuna" di aver lavorato anche per un piccolo periodo, anche un solo mese, con contratto a termine, questa distinzione tra disoccupati di serie A e B speriamo possa essere rivista al più presto perché ritengo ingiusto e assurdo che si facciano differenze tra disoccupati.

Abbiamo avuto rassicurazioni che gli edili, tramite modifica al decreto, potranno andare in pensione dimostrando di aver svolto la mansione di lavoro usurante 6 anni negli ultimi 7 lavorati, poca cosa ma meglio di 6 su 6.

Ultime novità pensioni precoci, manca la volontà del Governo

-Con chi avete avuto modo di confrontarvi e quali rassicurazioni avete ottenuto?

Abbiamo avuto un confronto col professor Leonardi, sostituto di Nannicini e la mia impressione è stata che si vuole rimandare l'argomento Pensioni fino alla prossima finanziaria. Abbiamo però avuto rassicurazioni da parte delle organizzazioni sindacali che l'argomento pensioni sarà ripreso già nel mese di aprile e che quello ottenuto ad oggi, anche se poco, dovrà essere la base di partenza per arrivare all'obiettivo che noi tutti ci auspichiamo e cioè 41 senza se e ma indistintamente dall'età anagrafica del richiedente, limitazione che avrebbe dell'assurdo.

Pensioni 2017, Ddl 857 al palo: Damiano rassegnalo su Quota 41 per tutti

-Damiano ha fatto presente ad alcuni di voi che per la q41 per tutti non vi sono praticamente speranze a causa della mancanza di risorse, come vivete tali dichiarazioni?

Damiano lo vedo quasi rassegnato a portare avanti la sua creatura...il DDL857 che noi abbiamo sposato....in toto. Dopo anni a difesa del suo DdL oggi dice che non ci sono fondi sufficienti per la sua attuazione. Noi riteniamo che i soldi ci siano e vadano presi da chi detiene il 75% della ricchezza in Italia e da altre misure da noi individuate e suggerite al governo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!