Sempre al centro dell'attenzione il tema della riforma Pensioni 2017. Dopo le varie polemiche e discussioni suscitate in merito alla pensione anticipata con Ape social e Quota 41, infatti, i sindacati lottano e pressano il Governo affinché venga avviato il confronto per la fase due e per bloccare soprattutto l'aumento dell'età pensionabile a causa dell'aspettativa di vita. Già, come riportato da Pensionioggi.it, infatti, il prossimo 13 luglio i sindacati rilanceranno le richieste fatte al Governo nella speranza che tutto si sblocchi.

Pubblicità
Pubblicità

Riforma pensioni: aspettativa di vita da bloccare secondo i sindacati

L'attenzione dei sindacati è rivolta principalmente, ma non solo, all'intricata questione dell'aspettativa di vita. L'obiettivo sarebbe quello di bloccare o rivedere l'adeguamento dell'età pensionabile che, stando alle dichiarazioni da parte del Presidente dell'Istat Giorgio Alleva, dal 2019 sarà fissa a 67 anni per la pensione di vecchiaia, a 43 anni e 3 mesi di contribuzione per gli uomini e a 42 anni e 3 mesi per le donne in merito alla pensione anticipata. Cinque mesi in più che pesano e non poco sulle spalle dei lavoratori.

Pubblicità

Riforma pensioni: le parole di Damiano, Sacconi e Ghiselli

E proprio a riguardo, infatti, i due Presidenti della Commissione Lavoro di Camera e Senato, Cesare Damiano e Maurizio Sacconi, hanno richiesto una revisione di questo meccanismo e proprio a riguardo hanno indetto una conferenza stampa. Non si sono trattenuti dal dire dure parole i sindacati, che lo hanno definito un meccanismo infernale che avrà pesanti strascichi sul mercato del lavoro e che va assolutamente in contrasto con la legge di bilancio.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Secondo Ghiselli, segretario confederale CGIL, infatti, questo repentino innalzamento dell'età pensionabile a causa dell'aspettativa di vita causerà problemi occupazionali gravi. É un errore ragionare sull'aspettativa di vita come se fosse uguale per tutti: paragonare la speranza di vita di un lavoratore edile e di un docente universitario non è corretto, in quanto va considerata anche la gravosità dei lavori.

Questo è un altro punto che secondo Ghiselli va assolutamente affrontato nella fase due della riforma pensioni 2017.

Per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie riguardanti la riforma pensioni 2017 o il mondo del lavoro in generale è possibile cliccare il tasto "SEGUI" presente in alto accanto al nome dell'autore di questo articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto