Le ultime novità sulle Pensioni ad oggi 28 novembre 2017 vedono concretizzarsi un vero e proprio altolà dalla Commissione lavoro della Camera in merito a quanto apparso ieri sul Corriere della Sera circa l'ipotesi di un sistema pensionistico italiano ancora in disequilibrio. Il Presidente Cesare Damiano parla di "tesi che potrebbero aprire un varco pericoloso per un nuovo e non auspicabile intervento sulle pensioni". Nel frattempo prosegue il dibattito sull'emendamento del governo e sui relativi interventi di salvaguardia inseriti nella legge di bilancio, con il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti che spiega di vedere una normale dialettica e la Cgil che si prepara alla mobilitazione fissata per il prossimo 2 dicembre, pubblicando un nuovo volantino.

Vediamo insieme tutti i dettagli nel nostro ultimo articolo di approfondimento.

Pensioni, dall'On. Damiano un altolà contro ipotesi di nuovi interventi sul comparto

Dalla Commissione lavoro della Camera arriva una pronta risposta all'articolo pubblicato nella giornata di ieri dal giornalista Federico Fubini sul Corriere della Sera, nel quale si contestava l'equilibrio dell'attuale sistema previdenziale pubblico. Secondo quanto dichiarato dal Presidente Cesare Damiano, avvallare una simile tesi potrebbe aprire un nuovo e pericoloso varco per un intervento sulle pensioni.

Uno scenario non accettabile per il parlamentare, visto che il Governo ha certificato come con le riforme messe in campo dal 2004 al 2012 "si produrranno risparmi dal 2004 al 2050 per 60 punti di PIL, vale a dire 900 miliardi di euro, pari a circa il 40% del totale del debito pubblico italiano". Stante tali cifre, le continue diatribe sui numeri hanno portato finora a conclusioni opposte tra Commissione UE ed altri istituti di ricerca che si sono cimentati sul tema, i quali però depurano la spesa complessiva da quella assistenziale.

"È come giocare i numeri al lotto. Il problema è che il dominio delle tecnocrazia sui dati pretende anche che siano ritenuti veritieri e neutrali, mentre con i numeri si fanno scelte politiche a prescindere dalla politica. Forse è ora di dire basta", ha concluso il parlamentare.

Per il Ministro Poletti confronto Governo - Sindacati positivo, mentre quest'ultimi vedono i capigruppo PD

Novità in arrivo anche riguardo i rapporti tra governo e sindacati in merito all'emendamento alla legge di bilancio 2018 ed al tavolo che ha preso forma negli ultimi mesi.

Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha parlato di "confronto positivo" esprimendo un giudizio complessivo, mentre per quanto concerne la Cgil ha ribadito che il sindacato ha espresso la propria valutazione. "Noi consideriamo che questo sia nella normale dialettica e quindi prendiamo atto di queste posizioni". Nel frattempo i capigruppo PD di Camera e Senato hanno incontrato i vertici dei sindacati per farei il punto della situazione. "È stata un'occasione per fare il punto in prossimità dell'approdo in Aula al Senato della Legge di Bilancio", spiega una nota del Partito Democratico. "Fermo restando le indicazioni uscite dal confronto con il Governo soprattutto sulle pensioni, i presidenti dei gruppi Dem hanno ribadito l'impegno a sostenere tutte le iniziative in campo sociale e di welfare che la manovra consentirà".

La Cgil prosegue il proprio cammino verso la mobilitazione del 2 dicembre

Nel frattempo la Cgil prosegue il proprio cammino verso la mobilitazione generale. Pubblicando un nuovo volantino sulla propria pagina Facebook il sindacato ha ricordato nella serata di ieri che "le norme sulla previdenza si possono e vanno cambiate. Così come andrebbe cambiato l'orientamento della legge di bilancio, spostando l'attenzione sui giovani, sulla creazione di lavoro buono, su un meccanismo previdenziale più equo. Perché la crisi ha colpito il lavoro e i lavoratori e le diseguaglianze sono aumentate. Ecco perché in questi giorni, e prima della manifestazione di sabato prossimo 2 dicembre, stiamo incontrando tutti i gruppi parlamentari, per presentare le nostre osservazioni".

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione dei lettori nel caso desiderino aggiungere un nuovo commento nel sito in merito alle ultime novità che abbiamo riportato. Mentre per ricevere le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni ricordiamo di utilizzare la funzione "segui" disponibile in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!