In attesa degli esiti del confronto finale di martedì tra il Governo e le forze sindacali in merito alla tematica della riforma Pensioni 2017, è tornato a parlare anche il presidente della Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati, Cesare Damiano, che ha spiegato come sia vero che il Governo ha fatto dei passi avanti, ma che occorre allo stesso tempo fare di più. L'augurio che il personaggio in questione si è fatto è che l'esecutivo faccia ulteriori passi avanti sui contenuti della proposta che gli è stata recapitata.

Riforma pensioni: ecco quanto dichiarato da Cesare Damiano

Damiano ha dichiarato di aver apprezzato molto il fatto che il Governo abbia proposto di bloccare l'incremento dell'età pensionistica anche per le pensioni di anzianità e non solo per quelle di vecchiaia, così come è stato importante anche il fatto che le risorse risparmiate per quanto riguarda l'APE sociale vengano riutilizzate attraverso la costituzione di un fondo che ne possa garantire la strutturalità e la continuità. Per Damiano si tratta di segnali tutti positivi, ma ancora non totalmente sufficienti.

Cesare Damiano: 'La battaglia per la riforma pensioni continuerà in Parlamento'

Damiano ha poi continuato spiegando che si spera che nel confronto di oggi, martedì 21 novembre, si possa arrivare ad una conclusione positiva e che, in ogni caso, la battaglia per migliorare le regolamentazioni continuerà in Parlamento, perché sarebbe necessario stabilire che l'APE sociale venga prolungata almeno fino al 2019 ed anche che venga fatto un ampliamento delle categorie di lavoratori gravosi.

In più, sarebbe importante anche che i contributi figurativi per le donne siano di un anno per ciascun figlio e che i limiti per accedere alle pensioni per i giovani che vengono calcolate col sistema contributivo siano abbassati.

È chiara, dunque, la posizione del presidente della Commissione Lavoro alla Camera in tema riforma pensioni. A questo punto, viste le dichiarazioni di Cesare Damiano, non resta altro da fare che attendere l'esito del confronto tra il Governo e i sindacati, che probabilmente ci potrà dire qualcosa in più su quello che sarà il futuro del sistema previdenziale italiano.

Per rimanere sempre aggiornati sull'argomento della riforma pensioni 2017 o sul mondo del lavoro e della scuola è possibile cliccare sul tasto "SEGUI" presente in alto accanto al nome dell'autore di questo articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!