Occorrerà, naturalmente, la certificazione di un'apposita commissione medica che valuti la reale presenza della forma di Depressione, sopratutto se si tratta di quella maggiore. Ma, finalmente, data la percentuale di persone che ne soffrono in qualche forma, più o meno lieve, il famoso male oscuro entra, ufficialmente, tra le patologie invalidanti che danno diritto ai benefici della Legge 104 [VIDEO]. Ma qual'è la procedura da seguire per poter richiedere la 104? Vediamo di fare chiarezza.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Pensioni

Quando è possibile fare domanda

Ovviamente, nonostante esistano diverse forme di depressione, dalla distimia alla depressione maggiore, ciò che rileva per il riconoscimento dei benefici della Legge 104 è la sua capacità, sopratutto nella forma maggiore, di influenzare negativamente ogni aspetto della vita dell'individuo che ne soffre.

Dal suo stato di salute fino alla sua vita sociale, familiare o lavorativa. E quando da questo stato deriva una evidente e oggettiva riduzione della capacità lavorativa del soggetto, a quest'ultimo possono essere riconosciuti i benefici della Legge 104. Ciò non vuol dire che tali benefici saranno riconosciuti solo ed esclusivamente per le forme maggiori di depressione. Infatti, in base alla valutazione della commissione medica verrà determinata la percentuale di invalidità determinata dalla particolare forma depressiva e in base a questa verranno riconosciuti proporzionalmente diversi benefici, come l'assegno di invalidità. Solo a titolo d'esempio, per il riconoscimento della 104 per nevrosi ansiosa è sufficiente una percentuale del 15%, mentre per una forma di psicosi ossessiva la percentuale deve variare dal 71 all'80%.

I benefici della legge 104

Ovviamente, in base alla percentuale di invalidità riconosciuta si ha diritto diversi benefici. Nei casi più elevati, come abbiamo accennato, l'assegno di invalidità. In casi minori può essere riconosciuta l'invalidità civile. In altri casi i lavoratori affetti da depressione a cui è riconosciuta la Legge 104 possono avere permessi retribuiti, diritto al rifiuto del trasferimento o scelta della sede di lavoro. In pratica i benefici tipici della Legge 104.

La procedura per fare richiesta

Chi fosse interessato a ottenere la Legge 104 per depressione deve, innanzitutto, rivolgersi al proprio medico di famiglia o specialista di fiducia che redigerà, dopo attenta visita, un certificato medico introduttivo. Quest'ultimo invierà il certificato all'Inps e rilascerà all'assistito il numero di protocollo. L'assistito dovrà inoltrare domanda di invalidità attraverso il sito dell'Inps inserendo il numero di protocollo del certificato. La domanda può essere inoltrata anche attraverso un Caf o chiamando il numero del Contact Center Inps 803.164.

Al termine della procedura di inoltro della domanda dovrebbe essere possibile visionare la data della visita con la commissione medica. Comunque, l'Inps provvederà ad inviare [VIDEO] all'interessato una raccomandata con tutti i riferimenti. Se non è possibile effettuare la visita nella data stabilità si può spostare l'appuntamento per un massimo di due volte, diversamente vi è il decadimento dell'istanza. Ricordiamo che contro la decisione della Commissione medica è possibile fare ricorso.