Il lavoro domestico da anni è equiparato a tutte le altre tipologie di attività di lavoro dipendente. Ne è prova il fatto che anche il lavoro che viene svolto da collaboratrici domestiche, baby sitter, badanti, maggiordomi e così via, viene regolamentato da un Contratto Collettivo. Sindacati dei lavoratori, associazioni dei datori di lavoro e Governo hanno recentemente apportato modifiche al CCNL con adeguamenti degli stipendi dovuti all’innalzamento del tasso di inflazione. Rispetto alla stragrande maggioranza delle attività lavorative però, nel lavoro domestico la particolarità maggiore è rappresentata dal ruolo del datore di lavoro, spesso una famiglia o un soggetto non autosufficiente e bisognoso di assistenza.

Il ruolo del datore di lavoro

Proprio la figura del datore di lavoro è particolare, non avendo le funzioni di sostituto di imposta come nelle altre tipologie di attività. In pratica il datore di lavoro non è tenuto a emettere busta paga o Certificazione Unica, non è tenuto ad assumere un lavoratore attraverso la firma di un vero e proprio contratto e non è tenuto ad effettuare i conguagli fiscali. Anche se una certificazione relativa agli stipendi erogati, sia mensilmente che relativa all’anno precedente, il datore di lavoro deve comunque consegnarla al lavoratore, spettano al lavoratore tutti gli adempimenti fiscali, dal pagamento delle Tasse all’incasso dei crediti di imposta.

Il datore di lavoro è obbligato solo a pagare i contributi all’Inps ed a consegnare al lavoratore un documento che sintetizzi quanti soldi sono stati percepiti dallo stesso per le funzioni svolte. Questo perché il lavoratore deve avere in mano un documento che gli consenta di presentare le dichiarazioni dei redditi.

Tempo di 730

Dal 16 aprile scorso è possibile effettuare la dichiarazione dei redditi tramite il Modello 730.

Per quanto detto in precedenza circa gli adempimenti fiscali in capo al lavoratore domestico ed il ruolo del datore di lavoro, il 730 che devono utilizzare i badanti, le colf e così via, risulta essere quello senza sostituto. Sarà il fisco ad occuparsi dei conteggi per poter effettuare i conguagli fiscali del lavoratore, cioè trattenere le tasse ed erogare eventualmente i rimborsi spettanti. Oltre che tutti gli oneri deducibili, dalle spese mediche a quelle per l’istruzione dei figli, da mutui o assicurazioni alle spese per le attività sportive sempre dei figli a carico, ai lavoratori spetterebbe il bonus Renzi da 80 euro al mese per 12 mensilità.

Un bonus che negli altri settori il datore di lavoro, che è anche sostituto di imposta, eroga ai lavoratori mese per mese, ma nel lavoro domestico questo non accade proprio per la differente funzione del datore di lavoro. Con la presentazione del 730 in scadenza il prossimo luglio, il lavoratore ha l’occasione per richiedere al Fisco i 960 euro di cui consta il bonus.

Bonus Renzi

Da quest’anno il Bonus Renzi ha allargato il campo di applicazione. Infatti gli 80 euro al mese da erogare al dipendente sono soggette a determinati paletti reddituali. Il benefit spetta per intero a lavoratori che hanno prodotto nel 2017 redditi complessivi non inferiori a 8.174 euro e non superiori a 24.600 euro.

Il bonus spetta in misura ridotta per redditi tra € 24.600 ed € 26.600. Nessun bonus è erogato a redditi sotto la soglia di € 8.174 euro o superiori ad € 26.600.Il bonus inoltre è erogato per ogni mese di lavoro e quindi, soggetti che nell’anno precedente hanno lavorato meno di 12 mesi, il bonus viene erogato solo per i mesi effettivamente lavorativi. Con la presentazione del modello 730, sempre al netto dell’Irpef da pagare, a dicembre l’Agenzia delle Entrate effettuerà il conguaglio direttamente sul conto corrente del lavoratore. Infatti dopo la presentazione del modello 730, il Caf o il professionista abilitato darà al dichiarante il modello F24 per effettuare l’eventuale pagamento delle tasse in caso di conguaglio a debito, oppure il modello da presentare all’Agenzia, con cui il lavoratore indicherà il codice Iban sul quale vuole i conguagli in caso di credito di imposta.

Segui la pagina Tasse
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!