Annuncio
Annuncio

Sarà il mese di settembre quello in cui le ipotesi e le indiscrezioni circa la riforma previdenziale inizieranno a diventare fatti concreti. Infatti, tutto il Lavoro dell'Esecutivo in materia previdenziale è stato posticipato a dopo la pausa estiva, quando inizieranno i lavori sulla Legge di Bilancio che sarà il contenitore dove inserire il pacchetto di provvedimenti sulle Pensioni. Ad oggi, però, le notizie non appaiono certo confortanti [VIDEO] per quanti si aspettavano misure idonee a superare, come promesso dal Governo, la Legge Fornero.

Quota 100 e quota 41, che sono le misure promesse fin dalla campagna elettorale dai due Vice Premier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, rischiano di nascere vincolate a determinati e stringenti requisiti.

Advertisement

Il primo atto a cui dovrebbe essere chiamato il Governo Conte, potrebbe essere quota 100 per poi passare, probabilmente all'anno venturo, alla risoluzione delle istanze dei precoci con quota 41 o quota 42. Resta il fatto che entrambe le misure, se mai dovessero davvero partire, lo faranno in maniera diversa da come prospettato inizialmente, tra campagna elettorale e contratto di Governo.

Per i precoci si arriva a 42 anni di contributi versati

Prima era quota 41 per tutti la soluzione dell'Esecutivo alle pensioni anticipate della Fornero che nel 2019 arriveranno alla soglia dei 43 anni e 3 mesi di contributi per i lavoratori maschi ed a 42 anni e 3 mesi per le colleghe femmine. Quota 41, però, per evidenti problemi di coperture finanziarie e per le precarie casse dello Stato, che deve fare i conti anche con l'aumento dell'Iva e del pareggio di bilancio, non dovrebbe mai venire emanata.

Advertisement

Infatti nelle ultime settimane è quota 42 la nuova pensione di anzianità che avrebbe in mente l'Esecutivo. Come funziona la quota 42? La pensione con questa misura si dovrebbe centrare senza limiti di età non appena si raggiungeranno 42 anni di contributi versati, ma con soli due anni di contributi figurativi utilizzabili tra quelli di disoccupazione, malattia e cassa integrazione. Da quota 41 legata all'aspettativa di vita [VIDEO], cioè con la pensione garantita a tutti quelli che avevano 41 anni e 5 mesi di lavoro, si passa a quota 42, con una notevole riduzione di possibili aventi diritto alla quiescenza.

Il sistema contributivo

A questo si deve aggiungere anche il meccanismo di calcolo della pensione che per molti potrebbe risultare altamente penalizzante. Infatti per i contribuiti versati dal 1996, si applicherebbe il ricalcolo della pensione con il metodo contributivo, nonostante persino la Legge Fornero aveva previsto questo penalizzante modo di calcolare gli assegni pensionistici, solo per i periodi di lavoro successivi alla sua riforma.

Lo stesso meccanismo verrebbe applicato alla quota 100 che resta la misura con più probabilità di finire in Legge di Stabilità il prossimo dicembre. Tuttavia, bisogna dimenticare le parole di Salvini in campagna elettorale, cioè il "liberi tutti" o "quota 100 per tutti". La misura, per le medesime problematiche prima citate per quota 41, nascerà con un vincolo anagrafico ben definito. Si partirà dai 64 anni di età, liberando dal lavoro solo chi si troverà alla soglia minima di età con almeno 36 anni di contributi versati e con lo stesso paletto relativo ai contributi figurativi prima esposto. Le combinazioni possibili con quota 100 resterebbero, oltre alla prima, anche 65 o 66 anni di età e rispettivamente 35 o 34 anni di contributi versati. Paletti, quindi, che ridurranno drasticamente il numero di lavoratori che potranno beneficiare della novità. Come riporta il sito di informazione di settore "orizzontescuola.it", solo tra i docenti e gli impiegati Ata, il vincolo anagrafico imposto a quota 100 ridurrebbe di un buon 50% gli aventi diritto alla pensione. Un taglio di platea molto netto che, però, favorirebbe il Governo dal punto di vista della spesa da sostenere per la misura. Probabilmente si saprà di più il 27 settembre, quando l'Esecutivo sarà chiamato a presentare la nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza, all'interno della quale dovranno essere richiamate le dotazioni finanziare da destinare a tutti i provvedimenti della prossima manovra finanziaria, pensioni comprese.