Ultime notizie sulle Pensioni, ad oggi domenica 6 gennaio, incentrate sul decreto legge che darà il via alle nuove misure relative al pacchetto previdenziale, tra cui 'Quota 100', e al reddito di cittadinanza. Come riporta il numero odierno del quotidiano economico 'Il Sole 24 ore', il decreto legge con le prime modifiche alla riforma Fornero e le nuove misure che dovrebbero contrastare la povertà è pronto. Il testo dovrebbe essere esaminato in pre-consiglio dopodomani, martedì 8 gennaio, per poi approdare sul tavolo del Consiglio dei ministri nei giorni successivi. Quota 100 scatterà per i dipendenti del settore privato dal prossimo 1° aprile.

Pubblicità
Pubblicità

Quota 100 dal 1° aprile, pronto il decreto legge pensioni-reddito di cittadinanza

Il testo del decreto legge sarà composto da due titoli e da 27 articoli, se non ci saranno ripensamenti dell'ultima ora. Per quanto riguarda il pacchetto previdenziale, confermata l'introduzione di Quota 100 che avrà durata triennale e si articolerà attraverso finestre di uscita mobili trimestrali: confermate anche le proroghe annuali di Opzione Donna e Ape Sociale oltre alla sterilizzazione degli adeguamenti automatici dell'età pensionabile alla speranza di vita che, con l'inizio del 2019, avrebbero innalzato di cinque mesi la soglia per i requisiti necessari al ritiro anticipato: pertanto, restano invariate le soglie dello scorso anno, 42 anni e dieci mesi per gli uomini, un anno in meno per le donne, 41 anni per i lavoratori precoci. Anche in questi casi, però, come per coloro che faranno domanda per Quota 100, scatta un posticipo di tre mesi determinato dalla finestra mobile.

Pensioni, Quota 100 scatterà il 1° aprile: il decreto legge che comprenderà anche il reddito di cittadinanza è pronto
Pensioni, Quota 100 scatterà il 1° aprile: il decreto legge che comprenderà anche il reddito di cittadinanza è pronto

Pensioni, dal 1° aprile parte Quota 100: requisiti per lavoratori settore privato e statali

Chi avrà diritto di poter accedere alla pensione con Quota 100? Coloro che entro il 31 dicembre scorso hanno maturato i requisiti dei 62 anni di età anagrafica e i 38 anni di versamenti contributivi: il diritto alla decorrenza della pensione, per questi lavoratori, scatterà il primo aprile. Per chi maturerà in seguito tali requisiti, la decorrenza dell'assegno Inps scatterà tre mesi dopo.

Pubblicità

Discorso a parte, invece, quello per i lavoratori statali: chi maturerà i requisiti entro il prossimo 31 marzo, potrà accedere alla pensione il 1° luglio, la decorrenza, invece, sarà posticipata di sei mesi per tutti coloro che matureranno i requisiti dal 1° aprile. Per l'assegno, quindi, dovranno attendere il mese di ottobre: con tutta probabilità, sarà questa la finestra che vedrà il maggior afflusso di uscite pensionistiche tra i lavoratori della Pubblica Amministrazione. La domanda per Quota 100, per gli statali, andrà presentata all'amministrazione di appartenenza, almeno sei mesi prima.

Opzione Donna e Ape Sociale prorogate, arriva la 'pace contributiva'

Per quanto riguarda Opzione Donna, invece, pensionamento anticipato per le lavoratrici dipendenti nate entro il 31 dicembre 1959 e le autonome nate entro il 31 dicembre 1958. L'altro requisito è quello relativo ad un’anzianità contributiva di almeno trentacinque anni. L'importo della pensione spettante verrà ricalcolata per intero con il sistema contributivo. Prorogata di un anno anche l'Ape Sociale che interessa i lavoratori disoccupati in condizioni di bisogno con 63 anni di età anagrafica e 30 di contributi (o 36 per chi ha svolto attività gravose).

Pubblicità

La novità, per altro comunque già annunciata nei giorni scorsi, è quella riguardante l'arrivo della pace contributiva, un provvedimento che sarà introdotto, seppur via sperimentale, per tre anni, fino al 2021. Permetterà al lavoratore di colmare i 'buchi' contributivi ma solo dal 1° gennaio 1996 e fino a 5 anni, attraverso un meccanismo di rateazione, con un massimo di 60 versamenti mensili di importo non inferiore ai 30 euro, senza interessi né sanzioni.

Pubblicità

I costi saranno detraibili, ai fini Irpef, al 50%.

Leggi tutto e guarda il video