Quota 100, la riforma del sistema previdenziale che l'esecutivo giallo-verde ha inserito all'interno del decreto, è aperta a tutti: non è obbligatoria ovvero ogni lavoratore per potervi aderire deve fare richiesta volontaria e spontanea. Grazie alla trasmissione Dimartedì in onda su La7 martedì 22 gennaio e condotta da Giovanni Floris ci è stato possibile appurare i paradossi stessi della riforma. Ricordiamo che per poter aderire all'uscita anticipata è necessario essere in possesso di requisiti specifici: il primo anagrafico e il secondo è contributivo. Chi non ha uno o l'altro rischia di vedere la possibilità di aderire a questa riforma vanificata.

Pubblicità
Pubblicità

Uscita anticipata: i requisiti cardine e le limitazioni

Quota 100 è la riforma caposaldo della Lega Nord, fortemente voluta dal leader del Carroccio, Matteo Salvini. Per poter beneficiare di quota 100 è necessario essere in possesso di due appositi requisiti: il primo è avere almeno 62 anni di età anagrafica e il secondo è avere almeno 38 anni di contribuzione effettiva. Va specificato, inoltre, che chi beneficia dell'uscita anticipata non può cumulare redditi da lavoro occasionale per un importo superiore €5000 annui.

Pubblicità

Questa forma di uscita anticipata dal mondo del lavoro permette di uscire dallo stesso con 5 anni di anticipo rispetto alla pensione di vecchiaia. Conseguentemente l'assegno pensione viene percepito per un tempo maggiore e il suo importo è minore in virtù del minor numero di contributi versati. L'effetto secondario di quota 100 sarebbe quello di garantire il ricambio generazionale. Infatti a migliaia di lavoratori, che potenzialmente potrebbero beneficiare di questa riforma previdenziale, corrisponderebbero migliaia di giovani che dovrebbero essere assunti e ai quali verrebbe garantito il futuro. Non da meno gli stessi giovani potrebbero, versando i contributi, pagare le Pensioni degli stessi beneficiari di quota 100.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Lega Nord

Dimartedì: uscita anticipata potrebbe sfuggire per un solo anno

La trasmissione in onda su La7, Dimartedì, condotta da Giovanni Floris, ha mostrato un grafico che contiene al suo interno i paradossi di quota 100. Ovvero un lavoratore che ha iniziato a lavorare nel 1983 potrebbe beneficiare di quota 100, mentre un lavoratore che ha iniziato a lavorare nel 1984, quindi solo un anno più tardi, potrebbe vedersi sfuggire questa opportunità. Vengono presi ad esempio due lavoratori nati entrambi nel 1958 e che compiranno 61 anni nel 2021.

La differenza sta proprio però nell'anno in cui i due lavoratori hanno iniziato a lavorare: quello che ha iniziato a lavorare nel 1983 perfezionerà il requisito contributivo nel 2021, mentre quello che ha iniziato a lavorare nel 1984 non potrà fare la medesima cosa. Infatti egli nel 2021 avrà raggiunto solamente i 37 anni di contribuzione effettiva: sarà così impossibile per questo lavoratore beneficiare dell'uscita anticipata ma dovrà attendere oltre 4 anni in più per andare in pensione.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto