E' online da ieri il sito internet per chiedere il reddito di cittadinanza, il sussidio volto al reinserimento occupazionale di quella fascia di popolazione che risulti più debole ed emblema delle linee di indirizzo politico del Movimento 5 Stelle. Le domande potranno essere presentate a partire dal 6 marzo e fino a quella data lo spazio dedicato al reddito di cittadinanza assumerà esclusivamente un carattere informativo finalizzato a rispondere a tutte le domande dei futuri richiedenti e, quindi, ad illustrare i requisiti necessari, la documentazione utile e la prassi da seguire. Informazioni, queste, che verranno illustrate dettagliatamente anche nei paragrafi successivi.

Pubblicità

E' online il sito per chiedere il reddito di cittadinanza: domande dal 6 marzo

Fino al 6 marzo i soggetti che intendano presentare domanda per il reddito di cittadinanza avranno il tempo di recuperare tutta la documentazione necessaria per farsi trovare pronti entro quella data. Nello specifico si consiglia di richiedere immediatamente l'ISEE, ovvero l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente, sia attraverso il portale dell'Inps che presso un CAF; qualora la domanda per il sussidio venga presentata attraverso il web è necessario per il richiedente aver attivato lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, attraverso il sito spid.gov.it.

Dal 6 marzo, come anticipato, sarà possibile richiedere il reddito di cittadinanza attraverso il sito internet redditodicittadinanza.gov.it o anche tramite i Caf e Poste Italiane che, allo stesso tempo, è stata anche incaricata di stampare le card, la cosiddetta Card Rdc, sulle quali saranno accreditati i soldi.

Cosa fare per ottenerlo e trovare lavoro

Per ottenere il sussidio, qualora si sia in possesso dei requisiti necessari che saranno illustrati nel paragrafo successivo, bisogna compiere pochi semplici passi:

  • Presentare la domanda.
  • Ritirare la Card Rdc.
  • Sottoscrivere i patti.

Dal prossimo 6 marzo la domanda può essere presentata online oppure presso i Caf e gli uffici di Poste Italiane.

Pubblicità

Il termine ultimo per richiedere il reddito di cittadinanza è fissato al 31 marzo. Il contributo sarà erogato a partire dal mese di aprile. Dopo la presentazione delle domande, l'Istituto di Previdenza avvierà un iter finalizzato alla verifica dei requisiti. Successivamente il beneficiario verrà informato dove e quando ritirare la Card Rdc. L'ultimo step è quello della sottoscrizione dei patti. In pratica, in base alle competenze e ai requisiti di ciascun beneficiario, i Centri per l'impiego convocheranno i soggetti per sottoscrivere un Patto per il Lavoro o, in alternativa, dai Comuni per un Patto per l'inclusione sociale.

Requisiti per il reddito

Sempre sul sito internet redditodicittadinanza.gov.it sono elencati tutti i requisiti necessari per chiedere il reddito di cittadinanza. Nello specifico:

  • Avere la cittadinanza italiana o europea; in alternativa essere lungo soggiornante e avere la residenza nel nostro Paese da almeno 10 anni di cui gli ultimi 2 in maniera continuativa.
  • Avere una situazione economica (ISEE) inferiore a 9.360 euro annui.
  • Patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa, non superiore ai 30.000 euro.
  • Patrimonio finanziario inferiore a 6.000 euro, il cui limite può essere superato sia in relazione al numero dei componenti del nucleo che in ragione della presenza di persone con disabilità.

Per ogni altro tipo di approfondimento si consiglia comunque di visitare il sito internet specificamente dedicato alle domande per il reddito di cittadinanza.

Pubblicità