"Non esistono governi amici o nemici, noi li giudichiamo per quello che fanno. Crediamo che sia necessario che si riattivi un confronto preventivo vero", è quanto ha dichiarato il segretario generale della Cgil Maurizio Landini a pochi giorni dall'insediamento del nuovo esecutivo giallo-rosso che avrebbe già elaborato il suo programma articolato in 29 punti da inserire nella nuova manovra Finanziaria.

Lo stesso sindacalista, infatti, avrebbe chiesto una verifica sulle misure bandiera del Governo giallo-verde; si tratta della Quota 100 e del reddito di cittadinanza sulle quali si continua a discutere in vista della prossima Legge di Stabilità. Sono tanti i punti contenuti nel programma stilato da Pd e Movimento 5 Stelle, ma la priorità è la revisione della quota 100 voluta dalla Lega al fine di reperire le risorse necessarie per scongiurare l'aumento dell'Iva ed attuare altri interventi riguardanti: il taglio del cuneo fiscale, la riforma dell'Irpef, il salario minimo e la proroga del regime sperimentale donna. Tuttavia, stando alle parole di Maurizio Landini, lo sgravio delle tasse dovrà andare tutto ai lavoratori e ai pensionati con lo scopo di incrementare i consumi.

Inoltre, il sindacalista della Cgil si sofferma sulla lotta all'evasione fiscale, visto che i precedenti governi non hanno dimostrato grande volontà di contrastare questo fenomeno.

L'esecutivo pensa a modifiche su Quota 100

Come ormai noto, l'esecutivo giallo-rosso starebbe pensando ad un restyling di Quota 100 e le ipotesi sul tavolo sono diverse: dall'incremento della soglia contributiva a 39 anni, alla revisione dell'età anagrafica che passerebbe dai 62 anni a 63. Inoltre, si studia anche la cancellazione della misura anticipando di un anno il termine della sperimentazione. in questo modo si porterebbero in dote circa 12 miliardi di euro da utilizzare per altri interventi in materia previdenziale e fiscale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Landini propone verifiche su Q100 e rdc

Tuttavia, il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, avrebbe chiesto al nuovo Governo una verifica sulla misura bandiera della Lega e sul reddito di cittadinanza voluta dai pentastellati. "Va fatto un tagliando, capire chi l'abbia presa o meno", ha spiegato il sindacalista sottolineando anche la possibilità di introdurre una pensione di garanzia per i giovani oltre a riconoscere le disparità di genere che non penalizzi le donne lavoratrici.

Quanto al sussidio voluto dal Movimento 5 Stelle, invece, il leader della Cgil ha affermato che la povertà va combattuta grazie al potenziamento dei servizi sociali e ad un piano straordinario di investimenti che crei maggiore occupazione. "I posti di lavoro non li creano i centri per l'impiego. Il lavoro si crea se ripartono gli investimenti", ha concluso Maurizio Landini.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto