Da ieri, 22 maggio è attivo sul sito dell'Inps, il servizio per la presentazione delle domande di Reddito di Emergenza (Rem), misura straordinaria di sostegno al reddito introdotta dal governo per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà economica causata dall’emergenza sanitaria. L'istanza del Rem potrà essere presentata dai cittadini residenti in Italia al momento della domanda e che rispettano i requisiti di reddito e di patrimonio (uno dei requisiti è l'Isee inferiore a 15mila euro). Va precisato che il sussidio non spetta se si percepiscono altre indennità, come ad esempio il reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza.

Inoltre, esso non è compatibile con la presenza nel nucleo familiare di componenti che hanno percepito una delle indennità previste dal decreto Cura Italia nei mesi di marzo e aprile 2020. Il termine perentorio entro cui presentare l'istanza risulta essere quello di martedì 30 giugno 2020.

Rem: quote e durata del beneficio

Il reddito di emergenza sarà erogato ai beneficiari per due mensilità a decorrere dal mese di presentazione della domanda. Quindi, se la domanda sarà presentata entro il 31 maggio 2020 saranno erogate le mensilità di maggio e giugno, mentre se sarà presentata nel corso del mese di giugno 2020 saranno erogate le mensilità di giugno e luglio 2020. Le cifre del beneficio variano da 400 a 800 euro in riferimento ai componenti del nucleo familiare.

I cittadini potranno inviare la propria domanda tramite la specifica sezione del sito dell'Inps. Il modello di domanda si compone di tre differenti riquadri:

  • quadro A: dove andranno inseriti i dati del richiedente o del tutore, quali dati anagrafici, recapiti telefonici e e-mail,
  • quadro B: dove andranno dichiarati il possesso dei requisiti e le modalità di pagamento del bonus, a scelta tra le seguenti opzioni: bonifico domiciliato (pagamento in contanti allo sportello delle Poste), libretto postale o bonifico bancario/postale:
  • quadro C: sottoscrizione dichiarazione, in cui il cittadino dovrà confermare che quanto affermato non si tratti di dichiarazioni false.

Per le verifiche del possesso dei requisiti Inps e Agenzia delle entrate possono scambiare i dati relativi ai saldi e alle giacenze medie del patrimonio mobiliare dei componenti il nucleo familiare nelle modalità previste ai fini Isee.

Nelle prime ore di ieri 22 maggio, sono già arrivate oltre 5mila domande per il Rem. Il Reddito di Emergenza dovrebbe essere un aiuto concreto per 2 milioni di cittadini messi ancor più in difficoltà dal Coronavirus, ad annunciarlo su Twitter la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!