Una sconfitta alla prima di campionato e con tanti calciatori importanti assenti (Cosenza, Beduschi, De Feudis, Doumbia, Salvi su tutti) non può e non deve smorzare l'entusiasmo dei 10.601 spettatori che sono accorsi a sostenere i giallorossi al "Via del mare".

Il Lecce non ha giocato bene, la sconfitta è meritata. I giallorossi sembravano una bella scatola, ma vuota dentro: passaggi sbagliati, uno-due mai conclusi, tocchi di troppo, passaggi di fino inconcludenti, cross del tipo "palla fai tu", lentezza d'azione e chi più ne ha più ne metta l'hanno fatta obiettivamente da padrone. Ma le qualità dei singoli restano indiscutibili e si sono notate in alcuni frangenti.

Il punto sta tutto nell'amalgamare tutte queste qualità di cui la rosa dispone.

Squadra rivoluzionata!

I primi giudizi, sempre affrettati, sono arrivati subito, ma in realtà si dovrebbe riflettere maggiormente sui motivi della poca organizzazione vista in campo.

Il Lecce è sceso in campo con: Benassi; Lo Bue, Camisa, Gigli, Liviero; Pessina, Papini, Suciu; Surraco; Moscardelli, Curiale.

Degli 11 titolari, ben 9 sono nuovi acquisti! Lo stesso Benassi è considerato un nuovo acquisto visto che l'anno scorso non era a Lecce e quindi è nuovo del gruppo. Praticamente, gli unici due calciatori in campo stasera che erano già presenti lo scorso anno sono Romeo Papini e Davide Moscardelli. Davanti a questa rivoluzione è ovvio pensare che ci voglia del tempo e soprattutto tanta pazienza, prima di trovare unità di gruppo e amalgama tra i vari calciatori.

I migliori video del giorno

Il mister, Antonino Asta, ha specificato che si prende tutte le responsabilità e non fa male, per due motivi: anzitutto, per fungere da scudo verso un gruppo che adesso è deluso dalla situazione e poi perchè anche Asta le sue responsabilità le ha: ha cambiato 3 moduli in partita (4-3-1-2, 4-3-3, 4-2-4) finendo per fare ancora più confusione nella mente dei giallorossi che già erano in una serata-no e ha inserito in campo calciatori obiettivamente poco pronti al debutto (Suciu e Gigli su tutti). C'è tempo per recuperare, magari concentrandosi su un solo modulo tattico.

Come detto, è solo la prima partita e l'entusiasmo alto che si sta registrando a Lecce deve rimanere tale, attorno alla squadra.