Ad affermarlo è il Centro Studi Promotor rilevando in una nota che "é un dato estremamente preoccupante perché conferma l'inversione di tendenza di dicembre scorso quando per la prima volta e in netto contrasto con l'andamento dell'intera annata, il gettito di benzina e gasolio auto aveva fatto registrare un calo di 229 milioni di euro".

Il mancato gettito rispetto a un anno fa, si attesta intorno a – 5,2%, confermando un'incidenza negativa sull'eccessiva tassazione sui carburanti.

Pubblicità
Pubblicità

Gli ennesimi aumenti si sono già manifestati nello scorso fine settimana, con cifre da capogiro:

Eni (+1,5 centesimi al litro sulla benzina, +1 sul diesel), da Total Erg (rispettivamente +1 e +0,5) ed Esso (+1 solo benzina).

In netta ascesa anche il resto delle compagnie con una media nazionale che tocca punte di 1,927 euro al litro sulla benzina verde e 1,809 sul diesel, in aumento anche il gpl, il suo valore si aggira intorno a 0,890.

Pubblicità

Secondo il Centro Studi gli effetti negativi degli ultimi mesi, si devono principalmente alla contrazione dei consumi, legati a doppio filo sia alla crisi economica, sia all'elevato prezzo dei carburanti.

Sono soprattutto le imposte a gravare sul grezzo finito che incidono maggiormente, allontanandoci sostanzialmente dalla media europea con un distacco netto di 23,1 centesimi sulla benzina e 24,4 sul diesel.

E se l'orientamento dovesse continuare per tutto l'anno, l'introito per mancato gettito potrebbe far segnare una di munizione di 2,6 miliardi.

Non va meglio alle industrie petrolifere e alla distribuzione alla pompa, la diminuzione è stata di 2,22 miliardi, cioè l'8% in meno, insomma inizia una vera e propria crisi nel settore del greggio che in linea di massima segnerà nuovi aumenti nel ponte pasquale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto