Dal prossimo anno gli sport motoristici si arricchiranno di una nuova specialità; dopo l'avvento delle auto da corsa elettriche e dell'istituzione del campionato di Formula E, si parlerà di Roborace, gare su circuito per auto da corsa senza conducente. Stiamo in qualche modo familiarizzando con il concetto di auto driverless e siamo consapevoli che esse entreranno progressivamente nella nostra quotidianità, ma immaginare di vederle, tra qualche mese, sfrecciare sui circuiti internazionali, è davvero una sorpresa.

Auto Driverless,si inizia dalla pista

La tematica delle automobili senza conducente è di grande attualità e sembra interessare quasi tutte le grandi case costruttrici; portate alla ribalta mediatica dalla Google Car, le vetture Driverless inizieranno ad apparire sul mercato a partire dal 2017. L'avvio della nuova era delle quattro ruote sarà progressivo, le vetture senza conducente avranno inizialmente funzionalità di guida autonoma limitate e raggiungeranno la piena “indipendenza” dal guidatore nell'arco di pochi anni.

Tutt'altro passo sembra avere lo sviluppo “agonistico” di questa tecnologia; da poche ore è stato infatti annunciato il progetto Roborace, nato dalla collaborazione tra gli organizzatori della Forumula E e la compagnia Kinetik, la quale investe nello sviluppo di tecnologie innovative.

Auto unica, intelligenze artificiali diverse

Dal 2016 ad ogni gara del campionato di Formula E farà da corollario una competizione di Roborace; alla griglia di partenza di questa futuristica competizione si schiereranno venti vetture, due per ogni scuderia, le quali si daranno battaglia per sessanta minuti.

Il regolamento è stato abbozzato e prevede una meccanica comune per tutti i team; quello che farà la differenza sarà lo sviluppo dei software di gestione e la cosiddetta intelligenza artificiale. Il volante, in questo caso virtuale, sarà nelle mani di un algoritmo che apprenderà tecniche di guida e strategie di gara; ai box, oltre ai meccanici, troveranno posto scienziati e geni della programmazione informatica.

Secondo Denis Sverdlov, responsabile del progetto Roborace e Presidente di Kinetik, le competizioni delle auto driverless saranno una dimostrazione tangibile del livello di sviluppo raggiunto dalla tecnologia che ha reso “reali” le vetture senza conducente. Per Sverdlov in futuro tutte le auto saranno gestite e condotte da una intelligenza artificiale, a tutto vantaggio della sicurezza stradale e dell'ambiente.Quali sono le vostre impressioni a caldo sul Roborace? Vi siete chiesti chi salirà sul podio a stappare lo Champagne? Diteci la vostra!

Segui la nostra pagina Facebook!