Da rumors statunitensi si è recentemente appreso che il gruppo "Fiat Chrysler Automobiles" potrebbe realizzare, a breve, una versione di intermedia potenza dell'Alfa Romeo Giulia che andrebbe a posizionarsi tra la "Veloce" 280cv e la "Quadrifoglio" 510cv.

Bisognerà attendere conferme ufficiali sulla notizia da poco trapelata sul web che sembrerebbe non discostarsi da una probabile veridicità, in quanto sarebbe un'ottima soluzione dedita a coprire l'evidente disparità di potenza tra i due attuali modelli top di gamma della casa del Biscione.

Pubblicità
Pubblicità

La vettura in questione raggiungerà una potenza massima di 350cv e si vocifera che sarà dedicata al mercato americano senza però escludere a priori che possa essere normalmente commercializzata anche in Italia, Europa e resto del mondo.

Il segmento nel quale andrebbe a posizionarsi è quello recentemente occupato dalle rivali tedesche: Mercedes AMG C43, Bmw 340i e Audi S4.

La nuova Giulia verrà equipaggiata con il classico propulsore della "Veloce", il già prestazionale 2000cc 4 cilindri turbo appositamente modificato per elevare la potenza massima a ben 350cv.

Pubblicità

Anche la base strutturale dalla quale ne deriverà il design completo è quello della Giulia Veloce, con qualche ulteriore dettaglio a livello estetico in maniera da evidenziare la differenza tra le due. E' inoltre auspicabile che da quest'ultima erediterà anche la trazione integrale Q4 ed il cambio automatico a 8 rapporti. La sigla che potrebbe caratterizzarla è 'America', già utilizzata per le vetture destinate al mercato statunitense come avvenuto in passato per l'Alfa 75 ma è tutto da verificare.

E' certamente palese l'intento di FCA di realizzare più varianti di ogni modello, sia riguardo le motorizzazioni che i segmenti nei quali inserire i nuovi progetti, al fine di poter accontentare più fasce di potenziali acquirenti. Molto apprezzabile dunque la nuova strategia di marketing, finalmente in linea con le altre case automobilistiche, che sta centrando tutti gli obiettivi prefissati.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto