Con l'arrivo, in tempi brevi, delle prime automobili a guida autonoma ed un conseguente stravolgimento del Codice Stradale, cambiano in modo drastico le regole per superare l'esame per il rilascio della patente B.

Nella circolare diramata dal ministero delle infrastrutture e dei Trasporti, riguardante le novità sull'esame di guida, viene confermata la bocciatura immediata in caso di manovre che, secondo il Codice della Strada, prevedono la sospensione della patente, come, ad esempio, superare il limite di velocità di oltre 40 km/h, non indossare regolarmente la cintura di sicurezza prima di metterersi alla guida.

Pubblicità
Pubblicità

Le manovre più comuni si complicano

L'innovazione, invece, riguarderà indicazioni approfondite su come compiere le manovre più ordinarie: parcheggio, retromarcia, inversione di marcia, dovranno essere eseguiti correttamente per evitare che, l'esaminatore di turno, trovando il candidato non idoneo, decida di dare la bocciatura.

Prova pratica di 25 minuti

Quindi, più che di novità, si tratta di interpretare in modo corretto, norme che sono già in uso.

Pubblicità

Per verificare la reale conoscenza del candidato, la prova pratica sarà di circa 25 minuti, tempo in cui, l'esaminatore potrà decidere, a sua discrezione, quali complesse manovre proporre, oltre a quelle obbligatorie previste in sede d'esame.

Una guida dettagliata

Inoltre, secondo il documento del ministero, ci saranno linee guida dettagliate che non lasceranno spazio alla libera interpretazione per fugare ogni possibile dubbio da parte, sia dell'esaminatore che del candidato. Linee guida che, quindi, dovranno essere seguite alla lettera per poter permettere una valutazione imparziale.

Nuova formazione per gli esaminatori

Tutte queste novità, naturalmente, non graveranno solo sui candidati. Infatti, i formatori trasmetteranno le nuove procedure agli uffici provinciali e, gli insegnanti, saranno, quindi, costretti a rimettersi a studiare, frequentando i corsi di formazione e di aggiornamento organizzati dal ministero a partire dal mese di maggio in tutta Italia.

Naturalmente, questo cambiamento non avverrà in tempi sicuri, ma, nel frattempo è bene non dimenticare che, il rispetto del Codice Stradale, dovrebbe essere, prima di tutto, dettato dalla propria coscienza.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto