La Volkswagen Golf doveva essere una delle sicure protagoniste del mercato automobilistico del 2020. Poi è arrivata l'emergenza Covid-19 e la conseguente chiusura dei saloni automobilistici e delle concessionarie. Per far tornare il mercato ai livelli pre-pandemia ci sarà bisogno di bonus rottamazione e incentivi al settore automotive, che a luglio fa segnare un -11% nelle immatricolazioni non poi così pessimo, considerate le flessioni degli scorsi mesi.

Tra i grandi gruppi automobilistici, proprio Volkswagen riesce a portarsi in territorio positivo, con un +1,81% rispetto a un anno fa che è davvero invidiabile per la concorrenza.

La Volkswagen Golf trascina in positivo il gruppo tedesco

Il Gruppo Volkswagen è il secondo operatore auto in Italia, con 25.917 auto vendute a luglio. L'incremento è da ascrivere alla buona performance commerciale della Golf, che negli scorsi mesi ha raccolto ordini e adesso è in consegna.

FCA resta il primo gruppo in Italia a luglio, con 31.256 consegne. Il calo rispetto a un anno fa è del -9,18%.

Più consistente il crollo per il Gruppo PSA, sceso del -22%, a 18.743 consegne. Soffrono anche i francesi di Renault, che una Golf in gamma proprio non ce l'hanno vista la performance sottotono della Megane: la casa della losanga ha venduto 12.450 auto, -26% rispetto a un anno fa.

Volkswagen Golf, le consegne superano 3.000 unità

Prima di vedere nel dettaglio cosa è accaduto nel segmento C, uno dei più importanti del mercato, vale la pena ricordare come il Gruppo Ford e il Gruppo Toyota abbiano ridotto i cali delle immatricolazioni sotto il -10%, dunque meglio del mercato, mentre BMW si è presentata a luglio con un eccellente +34% su un anno fa.

Il focus sul segmento C, numericamente il più importante in Italia (a luglio vale il 34,4% del mercato), incorona la Volkswagen Golf come la berlina più venduta e la terza in assoluto nel segmento C, dominato da due suv che nel Bel Paese sono una certezza, la Fiat 500 X e la Jeep Renegade. La due volumi di Wolfsburg ha superato il muro delle 3.000 unità a luglio, attestandosi a quota 3.043 consegne.

Nella top ten del segmento Volkswagen Golf contro Volkswagen T-Roc

Scorrendo in modo specifico la top ten del segmento C, al decimo posto si è piazzata la Nissan Qashqai con 1.437 auto. Nona posizione per la Ford Focus con 1.550 consegne, mentre ottava è la Peugeot 3008 con 1.619 unità. Al settimo posto si piazza la Ford Ecosport con 1.629 auto e al sesto la Dacia Duster con 2.193 consegne. Piuttosto vicini gli altri piazzamenti, con la Jeep Compass quinta a 2.648 unità. Al quarto posto sfiora le 3.000 unità la Volkswagen T-Roc con 2.980 consegne. Funziona dunque bene la coesistenza nel segmento C della Golf e della T-Roc, alla quale si aggiungerà presto anche l'elettrica ID3.

La Volkswagen Golf, come già detto, risulta terza a luglio con 3.043 consegne.

Al secondo posto si è piazzata la Jeep Renegade con ben 3.167 unità, mentre il primato è della Fiat 500 X con 3.589 unità. Da ricordare che le due vetture sono prodotte sulla stessa piattaforma e nello stesso stabilimento FCA, quello lucano di Melfi. Una bella doppietta, sia per Volkswagen sia per FCA.