Primo anno dell'era Renzi, il capitolo Pensioni è ancora aperto e non pare riservare buone sorprese. Le proposte della ministra Madia,di cui tutti parlano, non sono vere proposte, ma annunci fatti ad arte per suscitarereazioni, che si ingigantiscono poi sulla base di rumors, del sentito dire. Sono dibatti per mantenere il cerino acceso. Tutto fa brodo peralimentare il consenso, la materia delle pensioni poi è oltremodoallettante, come parlare di acqua a chi patisce l’arsura neldeserto.

Le proposte del ministro Damianoinvece stanno prendendo corpo questi giorni e si vede che il nostroè uno che ha studiato e non è una comparsa messa lì più per leproprie sembianze che per la sua scienza.

La proposta in parolepovere è quella di “prepensionare” coloro che al compimento dei62 anni avranno maturato 35 anni di contributi. Semplice, siripristina grosso modo la normativa precedente alla famigerata “leggeFornero”, magari non proprio la quota 96, ma quasi. Ma dov’è l’inganno? L’inganno non sta solo nel fatto che devi pagare un 8% di scotto per ilprepensionamento, ma nell’affermazione di una logica terribile ecioè che la pensione non è più un diritto, non ha più unafunzione sociale, ma è pura merce di scambio, sulla base di unconteggio arbitrario del valore/lavoro.

Non vuoi penare fino a 70anni di lavoro? Bene allora mi dai l’8% di quello che tispetterebbe se andassi in pensione con 40 e passa anni. Così facendo la cosaassurda è che il collega andato in pensione con la vecchianormativa con 35 anni di contributi e 61 anni di età, avrà unapensione doppia rispetto alla tua.

Mentre ormai qualche decennio fa siandava in pensione col retributivo con una retribuzione frutto dalla media degli stipendi dell’ultimo anno,oggi si vai con una media degli ultimi 20 anni se va bene.

Ilretributivo, “retribuiva” la tua vecchiaia in base ai tuoibisogni, il contributivo è una cambiale che ti dà una miseriain cambio della tua vita. Questa è la cosa terribile, non tanto l’8%di penale a un sistema iniquo.

E noi perché votiamo per questagente?

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!