Prima era un Superporcellum, male assoluto, legge studiata e scritta per farli fuori.Poi forse andava bene, ora piace, anzi non si deve cambiare. Queste sono state negli ultimi anni le posizioni del M5S sull'Italicum. La nuova legge elettorale è entrata in vigore da poche ore, ma i partiti stanno ancora tirando le fila delle ultime amministrative e ricontando quote, premi e preferenze per capire quale sarà il loro destino e tentare l'ultimo disperato accordo per modificare la nuova legge.

Stupore per il M5S

Tra tutti stupisce il M5S: il suo atteggiamento verso l’Italicum è cambiato e – non poco – negli ultimi anni.

Lo hanno fatto, ovviamente a loro modo, attaccando il Pd, sbugiardandolo e smascherando ogni offensiva nei loro confronti, ma la verità è che al M5S, dati alla mano, l’Italicum piace, perché, come si è fatto sfuggire Di Maio nei giorni scorsi “favorisce il Movimento”.

La verità è che dall’Italicum in poi c'è stato il calo del Pd e la crescita esponenziale del Movimento. Le ultime elezioni hanno segnato il cammino e la vittoria a Roma e Torino ben fanno sperare ai pentastellatidi vincere anche le prossime elezioni nazionali. In più, il premio di maggioranza, nel frattempo, è passato dalla coalizione alla lista. Così, è facile immaginare che l'inevitabile ballottaggio si tenga tra Pd e M5S. E siccome gli ultimi sondaggi dicono addirittura che al ballottaggio sarebbe il M5S a prevalere sul PD, ecco che dalle parti del Movimento 5 Stelle si scopre che l'Italicum non è poi così male, tanto da chiedere che rimanga tale.

Un cambio di rotta

Il cambio di rotta del M5S è iniziato già lo scorso dicembre, quando proprio mentre il movimento di Grillo promuoveva in tutti Italia i ricorsi contro la legge elettorale alla Camera il M5S, primo firmatario Di Battista, presenta un ordine del giorno che impegnava il Governo a lasciare lItalicum tale e quale era.

Spaesamento all’interno del movimento. Tanto che l’ordine del giorno viene respinto, anche con i voti contrari del M5S. Boutade? Inversione di rotta?Secondo le parole del parlamentare Danilo Toninelli, 5 stelle, l’ordine del giorno era stato provocatorio, scritto e presentato per evitare che venisse inserita una “normetta anti-M5S nell’Italicum per non permetterci di vincere”.

Sarà, ma guardando indietro si direbbe che il M5S era contrario all’Italicum più nelle piazze che in aula, dove in modo provocotario o meno, non si è granchè battutto per cambiarla, anzi.

Sta di fatto che l’Italicum da oggi è entrato in vigore. Ieri si ipotizzavano accordi tra vari partiti per una nuova modifica, ma la gelata è arrivata dal M5S. Luigi Di Maio, che su facebook scriveva “le priorità sono altre”. Insomma l’Italicum così com’è va bene e non si tocca.

D'altronde i recenti sondaggi confermano che il M5S è il primo partito in Italia.Questo significa che in caso di ballottaggio il Movimento non avrebbe rivali e vincerebbe le elezioni.

Insomma, incostituzionale o meno è abbastanza chiaro che a conti fatti l'Italicum oggi garantirebbe la vittoria al M5S.

Segui la pagina M5S
Segui
Segui la pagina Elezioni Politiche
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!