Il Referendum sulle Riforme costituzionali è alle porte, e i vari sostenitori enunciano le loro ragioni. Dalla pagina ufficiale facebook di Pierluigi Bersani leggiamo testualmente, tra l'altro: 'Con l'elezione diretta dei Senatori e un radicale cambiamento dell'Italicum, con tutti i suoi limiti, la riforma costituzionale sarebbe potabile. Con la nomina dei Senatori e dei Deputati e con la democrazia del capo, la riforma è indigeribile'. Con queste testuali parole l'on. Pier Luigi Bersani ha illustrato il suo pensiero sull'argomento. Ha ripetuto in sostanza le stesse cose che ha sempre detto in passato.

La coerenza è sempre stata la sua arma vincente, non solo, ma la sua capacità di conoscere i problemi che affliggono la società, ci rimanda alle riforme da lui attuate, da Ministro del passato.

Riforme essenziali per lo sviluppo

Di quelle riforme, a costo zero, tutti hanno tratto vantaggi, ma soprattutto sono stati eliminati paletti che ostacolavano gli operatori. Inoltre quella riforme sono state importanti, non per il costo zero, ma per la loro effettiva utilità. Ecco uno dei motivi per cui abbiamo considerato e consideriamo Bersani una risorsa importante non solo per il PD, ma per l'Italia. Con la decisione di Bersani di votare NO al Referendum sulle riforme costituzionali, il Presidente Matteo Renzi ricorda che lo stesso Bersani per 3 volte ha votato per le riforme stesse.

Si trattava di voti a cui dovevano seguire modifiche sia sul testo del Senato che di quello sulla legge elettorale, mai avvenute.

Vivace Direzione del PD

Nella direzione del PD, tenuta il 10 ottobre 2016 a Roma, nella sede del partito, molti gli interventi. Renzi, dopo aver elencato, con minuzia di particolari, l'operato del Governo da lui presieduto, ha sostenuto che oggi, in Italia, vi è qualche diritto in più e qualche tassa in meno.

Ha poi continuato dichiarando di essere disponibile a cambiare la legge elettorale subito, dopo il referendum di dicembre prossimo. Ha poi preso la parola il deputato Boccia, che ha fatto notare al segretario del PD di non aver saputo ascoltare le voci che si levavano all'interno del partito, e di non essere stato in grado di far prevalere il dibattito democratico.

L'ultimo intervento è stato quello del Deputato Roberto Speranza il quale ha subito marcato che in Italia non vi sono solo la Legge elettorale e le Riforme costituzionali, ma vi sono questioni sociali che attendono di essere risolte con urgenza. Ha poi chiarito che le Riforme in questione e la Legge elettorale camminano insieme e la proposta di Renzi non è sufficiente a risolvere il problema.