Da diversi giorni l'argomento sulla violenza sessuale subita dalle donne è diventato molto attuale. Ad accendere i riflettori su questo tema sono state le accuse mosse contro il famoso e potente produttore hollywoodiano, Harvey Weinstein. Sono numerose le attrici e modelle che hanno raccontato la loro triste di violenza, legata a lui.

Effetto catena

Quello su cui mi voglio soffermare è l'effetto a catena che si è prodotto, ovvero l'esempio di coraggio dimostrato attraverso la testimonianza di noti volti femminili, del mondo dello spettacolo, ha spinto un gran numero di donne a denunciare atti di violenza. Probabilmente mai dichiarati per moltissimi anni, perché appartenenti a un passato di cui si ha vergogna, che si vuole in qualche modo dimenticare o accantonare.

La verità è che una violenza del genere non si può cancellare, è come una profonda ferita, difficile da cicatrizzare. Tale dolore si trasforma in una battaglia personale, la si affronta e combatte, denunciando l'accaduto. Ritornando all'immagine della catena, sembra che questo effetto si stia rivelando positivo perché ha creato un fenomeno crescente di testimonianze, quasi come se il coraggio nel fare tali dichiarazioni fosse diventato contagioso.

Il messaggio

Il messaggio di speranza che vorrei diffondere è legato al presente, al potere che hanno le parole, facciamo sentire la nostra voce, forte, rigorosa e impavida. Bisogna avere il coraggio di parlarne, non bisogna nascondersi, niente vergogna! Raccontare la propria storia deve essere fatto senza aver paura di essere giudicati. Alla base della condivisione di un episodio così corrosivo, ci deve essere rispetto da parte di chi ascolta.

Che ben vengano programmi televisivi dove se ne parla, purché se ne parli in modo intelligente, con un atteggiamento di comprensione e non di condanna, ad esempio verso chi non si è saputo ribellare, dicendo di "no" al momento dell'abuso. Lo slogan che vorrei lanciare con questo articolo è "rompiamo il silenzio". È giusto ricordare che ci sono donne sofferenti, che si logorano, fino a consumarsi, perché trattengono dentro un segreto troppo pesante.

Le donne di cui parlo possono rivolgersi a un personale specializzato, pronto a prestare loro aiuto con un reale supporto emotivo e psicologico. Non è mai troppo tardi per chiedere aiuto, per denunciare e dire stop alla violenza sulle donne.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto