Dopo 60 giorni dal voto politico del 4/03/2018, tra un incontro e l'altro, i partiti sono al punto di partenza. Per motivi diversi, ciascuno ha le sue ragioni. Il dialogo avviato, tanto necessario per comprendere ciascuno i motivi dell'altro, non ha prodotto alcun risultato: poca chiarezza. Di Maio, Salvini e Martina, al centro, ma la legge elettorale 'Rosatellum' ha fatto tutto da sola. Siamo giunti così all'ora della verità.

Diciamo subito che, per gli interessi della comunità, è necessario fare una nuova legge elettorale, con la quale i cittadini possono scegliere il partito e il candidato: proporzionale con preferenza unica. Chi ha più voti, riceve l'incarico di formare il Governo e, si allea, sui programmi, con chi può garantire la maggioranza. Senza trucchi e furbizie, e nell'interesse della comunità.

Cambiano valori e regole

Tutti si lamentano dello scollamento tra società e politica, e questo fenomeno è destinato ad aumentare, come reazione alla situazione attuale.

Si tratta di un accorato grido contro il pensiero che ha cambiato le regole di convivenza, e i valori della politica, specialmente nella sinistra italiana. Da pensiero dialogante, e sempre attento alle persone umili, secondo la tradizione, a struttura rigida, i cui componenti si classificano tra i fedeli al capo, e 'gufi' se esprimono un pensiero contrario a quello ufficiale. Nuovo modo di pensare, lontano dal mondo di una volta, che si riconosceva nella tradizione del socialismo e del cattolicesimo democratico.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Renzi

Mutamenti nella società

Con riferimento al disagio, che si avverte palesemente, si sente nell'aria che qualcosa sta cambiando nella politica. Anche se solo in parte, si comincia a parlare di temi e di necessità per le classi sociali meno abbienti. Sta scomparendo 'il politichese' e si notano i primi progressi. Il fermento che da poco è nato, si sta affermando, e comincia a far presa nella società.

Anche le novità in discussione nel PD, prendono spunto dal fermento citato.

Si sono affrontati infatti, in assemblea, ieri 3 maggio, Renzi con la sua area, e tutto il resto del partito. Dall'apparizione dell'ex premier alla trasmissione di Fabio Fazio, in cui lo stesso anticipava il risultato dell'assemblea del 3 maggio, i toni del dialogo hanno assunto livelli mai visti. Tutto ciò dovrebbe comportare nuovi assetti interni al partito, a nostro avviso, spostando il focus 'sul concepire il centro sinistra del futuro'

Per concludere, stando alle agenzie di stampa sulla assemblea nazionale del PD, la maggioranza ha accordato a Maurizio Martina, segretario reggente, la fiducia piena fino alla assemblea nazionale del partito, a data da destinare, con la precisazione di chiusura netta a Governi con M5S e Centrodestra.

Alla vigilia delle prossime consultazioni del 6/05/2018 del Presidente Sergio Mattarella, ripartiamo da zero.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto