Palermo - Oggi 40.000 studenti, molti arrivati dagli Stati Uniti e dall'Europa, per ricordare i Giudici Falcone e Borsellino, durante la strage di capaci che li ha uccisi, ma che ha permesso loro di diventare due esempi e due idoli dello Stato Italiano.

"Palermo chiama Italia" è il titolo della manifestazione contro la mafia, sarà presente anche il Presidente Mattarella, insieme al Presidente del Senato Pietro Grasso.

La manifestazione è organizzata dalla Fondazione Falcone, in occasione del ventitreesimo anniversario della strage di Capaci. L'evento si terrà alle ore 11, presso l'aula Bunker di Palermo, insieme alla presenza di 40.000 studenti, molti provenienti dall'estero.

L'iniziativa coinvolge più piazze

Quest'anno l'evento non si svolgerà soltanto nella piazza di Palermo, ma in più piazze d'Italia, in cui sia i cittadini che gli studenti, saranno presenti per testimoniare il loro impegno sulla legalità.

In collaborazione con la Rai, Palermo sarà collegata con altre piazze italiane: Milano, Gattatico, Firenze, Napoli, Rosarno e Corleone; unendo tutta Italia in ricordo di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Oggi verranno ricordati anche il giudice Francesca Morvillo, moglie di Falcone, e le loro scorte: Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Claudio Traina, Walter Cosina, Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo. Alle piazze reali si uniranno anche le piazze virtuali: 23maggioitalia e i profili MiurSocial.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Su twitter è già partita una gara di selfie per dire no alla mafia con il seguente hashtag: #PalermochiamaItalia.

Oggi a Palermo per l'occasione ci saranno vari spettacoli presso il Teatro Politeama: letture, seminari, concerti e spettacoli teatrali. In contemporanea nelle altre piazze, ci saranno testimonianze di famiglie che precedentemente sono state vittime della mafia. Oltre al capoluogo siciliano, si sono unite varie provincie palermitane con dibattiti, manifestazioni e cortei come Partinico, Caccamo e Capaci.

"Perchè dire NO ALLA MAFIA è un dovere, è un diritto, è una vita da salvare".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto