Dal 19 al 21 Maggio, presso la bellissima Villa Mignisi, in Via Rosario da Partanna Padre, 22 a Palermo, si potrà visitare l'esposizione collettiva d'arte intitolata "Vicky Art Project" promosso da What's Art Group.

Un progetto d'amore

Tutti gli artisti che esporranno le proprie opere, di vari stili, tecniche e tipologie, prima di essere una squadra erano, semplicemente, compagni di liceo artistico. Tra loro, una giovane, talentuosa e promettente artista, Vincenza Biondo, per loro "Vicky", che, purtroppo, è venuta a mancare presto, troppo presto.

Dall'ammirazione e dall'affetto per Vicky, nasce il progetto che coinvolge 26 artisti dal grande talento e, soprattutto, dal grande cuore.

Il progetto è dedicato, inoltre, alla sua famiglia e si propone di realizzare obiettivi solidali di promozione, sensibilizzazione e prevenzione di patologie reumatiche e auto infiammatorie grazie anche alla collaborazione dell'associazione Remare Onlus.

Parte dei proventi dei partecipanti e dei visitatori finanzieranno una borsa di studio richiesta dal Presidente dell'Associazione, Roberta Taverna.

Un'occasione per contribuire ad un progetto di importante valore artistico-culturale, ma anche umano: l'amore per la bellezza.

Mani che creano e cuori che amano

Prenderanno parte all'evento, oltre ai 26 artisti, anche le Associazioni "Lisca Bianca", "Atta" , il Goethe Chor, Il Teatro dei Ragazzi e l'Associazione Culturale Marionettistica Popolare Siciliana.

Anime, cuori, creatori di bellezza e professionisti che raccontano storie ed evocano sentimenti ed emozioni con raffinata accuratezza stilistica e delicata creatività emozionale che evoca sensazioni profonde ed alimenta un inconscio senso di vicinanza tra simili, colleghi e fruitori di tale splendore.

La forza della condivisione e il potere di un assoluto valore, quale l'amicizia, che abbatte ogni frontiera, ogni ostacolo, ogni barriera, persino la morte.

Gli elementi si fondono, di concentrano e si mischiano in un grande concerto di anime e mani che plasmano ora il legno, ora il gres, e poi la terracotta, la resina e l'argilla. Fiumi di colore che animano le tele, tessuti che prendono vita nel loro corpo di trama, una trama ordita con lacrime, sangue e passione unica.

Fluidi oli illuminano le tele ed il legno, una dolce carezza di colore sul piano rigido che ha il volto di un uomo, una donna, di Vicky.

Tecniche miste, variegate, variopinte e polimateriche esplodono in un tripudio di cromie archetipiche che attraggono, respingono, che non si dimenticano.

Fotografie che raccontano il silenzio, che inducono al dubbio, ma che non temono fraintendimenti: il messaggio è chiaro, è traslucido, è vostro.

Un importante progetto che nasce da un valore, un valore che diventa manifestazione di bellezza. La bellezza degli occhi e del cuore di Vicky che diventa forma, colore, obiettivo concreto di un fine solidale.