I sondaggi sul referendum in Grecia pubblicati da due istituti, Alco e Kapa Research, fanno pensare che la maggior parte del popolo greco non sia intenzionato a seguire Alexis Tsipras e il suo governo nel salto nel buio che seguirebbe una vittoria del 'no'. Il governo greco, infatti, si è ufficialmente schierato per il voto contrario all'accettare le condizioni imposte da Bce, Fmi e Ue; ma un responso negativo aprirebbe scenari inediti, che potrebbero addirittura portare all'uscita dell'euro.

Probabilmente è proprio questa paura - la maggior parte del popolo greco ha sempre detto di voler restare all'interno dell'euro - a far sì che i sondaggi sul referendum in Grecia mostrino, al momento, una schiacciante maggioranza di elettori orientati a votare per il "sì". Il che significherebbe accettare le condizioni della Troika, subire una nuova ondata di misure improntate all'austerità, ma in cambio avere nuovi prestiti, tenere a galla l'economia del paese e soprattutto restare all'interno della moneta unica.

Referendum Grecia: Ecco i sondaggi Alco e Kapa Research

In particolare, i sondaggi sul referendum in Grecia pubblicati da Alco mostrano come il 57% degli elettori sarebbe orientato a votare per il 'sì', mentre solo il 29% sarebbe a favore del 'no'. Il restante della popolazione 'non sa o non risponde'. Il sondaggio è stato condotto su un totale di mille elettori, ma non prende in considerazione un aspetto: che il referendum greco, per essere valido, deve ricevere un'affluenza pari almeno al 40% del corpo elettorale (ma si dà per scontato che la percentuale sarà ampiamente superata).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Sondaggi Politici

Il secondo sondaggio sul referendum in Grecia, quello di Kapa Research, mostra percentuale leggermente diverse: il 47,2% sarebbe favorevole all'accordo con l'Europa, il 33% è per votare 'no'. Gli indecisi, quindi, sarebbe una percentuale che oscilla tra il 15 e il 20%. Un numero sufficiente a cambiare gli equilibri. Ma quando mancano solo cinque giorni al voto - gli spogli invece cominceranno lunedì mattina - sembra molto difficile che le indicazioni così nette ricavate dai sondaggi possano essere ribaltate.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto