In ogni grande partito c'è sempre qualcuno che non segue esattamente la linea Politica ed è così che si formano le correnti interne. E' successo in Forza Italia e in Alleanza Nazionale in passato, più recentemente nel Pd e forse adesso potrebbe accadere anche all'interno del Movimento 5 Stelle.

Roberto Fico in veste di anti Salvini

Roberto Fico, presidente della Camera dei Deputati ed espressione dell'ala più di sinistra del Movimento 5 Stelle, potrebbe essere il primo a far vacillare l'esecutivo dall'interno.

Pubblicità
Pubblicità

Un'incrinatura iniziale si è riscontrata in occasione del primo provvedimento importante del neo ministro degli Interni, Matteo Salvini, che ha deciso di chiudere i porti italiani per non far attraccare una nave delle Ong carica di migranti. Roberto Fico, come scritto poc'anzi, rappresenta gli elettori del Movimento 5 Stelle che provengono da ambienti di sinistra e che già mal digeriscono l'attuale alleanza con il Carroccio.

Pubblicità

I big del movimento grillino sono in tensione per l'estrema accelerazione della Lega nei risultati elettorali, ieri 10 giugno si è votato in moltissimi comuni italiani e la Lega continua a macinare consensi e a strappare amministrazioni locali alla sinistra. Il successo della Lega potrebbe trasformarsi in un boomerang per i 5 Stelle, i quali pensano che parte propri elettori potrebbe riversarsi nel bacino elettorale di Salvini.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Nei gruppi Facebook e chat targati M5S c'è chi rassicura i militanti più ortodossi del movimento sulla questione dei migranti dichiarando che Fico, nel discorso che terrà a San Ferdinando, pronuncerà un discorso in forte discontinuità sia con la linea politica del compagno di partito Di Maio sia del ministro Salvini. Questa tensione interna è stata scatenata dalla posizione di Di Maio che, invece di astenersi dai giudizi sull'operato di Salvini, ne ha appoggiato la linea dura.

Dissapori all'interno del Movimento 5 Stelle

Anche il ministro delle Infrastrutture Toninelli ha dato un giudizio positivo su quanto fatto dal Viminale, tanto da far scattare l'allarme tra i grillini della prima ora: "Siamo stati risucchiati dai leghisti" tuonano tra di loro, oppure: "Continuando così saremo una corrente della Lega". I primi dissapori all'interno dei 5 Stelle cominciano a farsi spazio e anche le critiche al leader Di Maio, accusato di avere un atteggiamento troppo subalterno a Salvini.

Pubblicità

"Roberto Fico è l'unico argine a questo governo" dichiara qualche deputato dei 5 Stelle al Corriere della Sera, addirittura qualcuno spera che Fico non diventi il Fini della situazione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto