Ieri, tra la notte e la mattina, 184 immigrati sono sbarcati a Lampedusa, dopo aver vagato per ore in acque maltesi. I responsabili dell'imbarcazione sono stati contattati più volte dalle autorità italiane senza ricevere alcuna risposta. Il barcone con i tunisini a bordo è stato lasciato alla deriva, ma La Valletta non è intervenuta in alcun modo. Aspre polemiche si sono avute tra il ministro dell'Interno Matteo Salvini, che si trovava alla sede del governo austriaco di Vienna, e il vicecancelliere Heinz-Christian Strache. Parole grosse sono volate anche alla conferenza in Lussemburgo.

Nonostante tutto, i migranti continuano a sbarcare in Italia

Sono circa 184 i migranti provenienti dalla Tunisia che sono sbarcati tra ieri notte e stamattina sull’isola di Lampedusa perché le autorità maltesi se ne sono lavate le mani. Malta non starebbe rispettando i trattati europei, è questo che ha sottolineato il primo ministro Matteo Salvini al responsabile degli Esteri e degli Affari europei, Christian Strache, con il quale si trovava al momento dei fatti.

Il vicepremier ha proposto una nuova misura innovativa per identificare le navi soccorse, quella di controllare i migranti direttamente a bordo dei barconi prima di farli scendere.

'L’immigrazione è necessaria per contrastare l’invecchiamento della popolazione': Salvini sbotta

Ieri Matteo Salvini ha parlato alla conferenza sulle migrazioni dove partecipano i ministri degli Interni delle Nazioni Ue e di alcuni Paesi del Nordafrica.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Matteo Salvini

Il ministro dell'Interno non ha gradito alcune affermazioni del ministro degli Esteri e degli Affari europei, Jean Asselborn e ne è nata un’accesa discussione terminata a parolacce. L’immigrazione sarebbe necessaria per contrastare l’invecchiamento della popolazione, ma il vicepremier è di opinione completamente diversa. Lui e i responsabili del Governo stanno lavorando affinché gli italiani tornino a fare figli e non perché i giovani vengano rimpiazzati da africani per motivi economici.

"In Italia - ha ribadito il ministro dell’Interno - abbiamo l’esigenza di fare nuovi figli e non di soppiantare quelli che non ci sono importando nuovi schiavi, probabilmente in Lussemburgo hanno esigenze diverse". A questo punto Jean Asselborn ha interrotto Salvini facendogli il verso e sottolineando che in Lussemburgo vi sono migliaia immigrati italiani che sono andati lì per lavorare e mandare i soldi ai loro figli rimasti in patria.

Un’espressione colorita ha concluso il suo intervento e il ministro ha postato il colloquio su Facebook, scatenando le ire dei suoi followers.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto