Quello tra Rap e Politica in Italia è un rapporto sempre più intricato e complesso, nonché sintomatico del superamento – oggettivato dalla composizione degli ultimi organici di Governo – della classica dicotomia destra-sinistra. Un tempo relegato a cultura di nicchia profondamente legata ai centri sociali e al movimento delle posse, il rap italiano – o meglio, i suoi sotto-generi più in voga al momento – ha in buona parte rinunciato a parlare ai suoi ascoltatori in termini di socio-politica, privilegiando di gran lunga il puro intrattenimento, l'introspezione e l'auto-celebrazione.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Politica

Ormai nel rap italiano parlare di politica è l'eccezione, non la regola, tanto che nel 2018 non risulta difficile imbattersi in giovani appassionati di hip hop che dichiarano candidamente di supportare la Lega di Matteo Salvini, e quando un rapper affermato come Gemitaiz prova a far notare loro l'incoerenza di un approccio del genere, gli viene risposto che un artista dovrebbe preoccuparsi solo di fare canzoni, perché "tra rap e politica non c'è alcun legame" e "la musica non ha nulla a che vedere con la politica".

Per questo motivo in una recente intervista uno dei simboli del rap italiano [VIDEO], ovvero Salmo, ha deciso di precisare in maniera netta ed inequivocabile il suo punto di vista, a dir poco critico, relativamente a questa ormai foltissima schiera di ascoltatori rap dichiaratamente salviniani.

L'autore di 'Hellvisback' si è rivolto direttamente ai fan dell'hip hop, invitandoli a chiare lettere a bruciare i suoi cd qualora fossero dei sostenitori di Salvini.

Salmo: 'Non puoi stare con Salvini e ascoltare hip hop'

Le dichiarazioni di Salmo sono arrivate nell'ambito di un'intervista concessa ai microfoni di Rolling Stone, pubblicata oggi. Queste le parole del rapper classe 1984 originario di Olbia:

"Io non so se la chiusura dei porti sia una sorta di mossa di comunicazione politica, o se questi siano st****i sul serio.

Quello che mi manda concretamente fuori di testa è il fatto che esistano tanti ragazzini rappusi che dicono 'Grande Salvini' [VIDEO], mi scrivono in privato di essere delusi da me, perché avrei infamato il loro idolo in alcune rime. Vi do una notizia ragazzi: io sono sempre stato dalla stressa parte, siete voi che non avete capito un ca***. La nostra è una cultura black, non puoi stare con Salvini e ascoltare hip hop, strappa le mie magliette, brucia i miei cd. Oppure pensaci, riflettici un attimo e cambia la tua idea del ca***".