Il Pd stamattina si è riunito davanti a Montecitorio contro la Manovra del governo gialloverde, innalzando cartelli e sventolando le bandiere del Partito Democratico. Parlamentari e cittadini sostenitori del Pd hanno protestato contro la Legge di Bilancio del Governo Lega-M5S. Il capogruppo democratico alla Camera Graziano Delrio ha commentato l'evento definendo Di Maio e Salvini come "due autisti ubriachi" che stanno guidando un autobus che portano a sbattere.

Pubblicità
Pubblicità

Poi aggiunge che il Paese in questi mesi si è fermato dopo le promesse dei Leader al Governo ma assicura che da ora inizierà un anno di mobilitazione nei comuni e nelle piazze. Delrio ha poi sottolineato che Salvini e Di Maio non hanno mantenuto le promesse di abolire la povertà, di garantire più legalità e sicurezza ai cittadini e di abolire la legge Fornero, 'regalando' agli italiani più Tasse da pagare, il condono fiscale per chi non paga e nessuna abolizione della tanto contestata legge di riforma del 2011.

Pubblicità

Martina contro la Manovra, 'iniqua per gli italiani'

Secondo il democratico Maurizio Martina, la Politica economica portata avanti dal Governo è folle e gli italiani se ne accorgeranno, in quanto essa sarebbe iniqua per i cittadini e pericolosa per il Paese.

Martina ha lanciato lo slogan 'Governo ladro', asserendo che Lega e M5S, invece di mantenere le promesse, al contrario toglieranno risorse ai pensionati, aumenteranno le tasse e le imprese non avranno alcun aiuto. Il parlamentare ha promesso, da gennaio, maggiore impegno del Pd in ogni parte d'Italia per parlare con i cittadini e proporre una valida alternativa a quella che il Governo sta imponendo ai cittadini.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Tasse

Alla manifestazione hanno preso parte, oltre a Martina e Delrio, anche Matteo Orfini, Francesco Boccia, Piero Fassino, Valeria Fedeli, Paolo Gentiloni, Roberto Giachetti, Filippo Sensi, Emanuele Fiano ed Ettore Rosato. Erano assenti Matteo Renzi e Nicola Zingaretti.

La Manovra, per i democratici, è 'contro il popolo'

Centinaia di manifestanti, dietro le transenne di piazza Montecitorio, hanno protestato contro la Manovra di Bilancio innalzando cartelli contro le tasse e il condono fiscale, contro i tagli alla ricerca e all'editoria.

Tutti i cartelli avevano una scritta comune, l'hashtag '#manovracontroilpopolo'. Altri manifesti definivano Salvini e Di Maio 'cialtroni dell'onestà' e altri ancora dicevano 'No alla dittatura razzista/populista'.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto